domenica 27 marzo 2016

RAZZISMO EBRAICO superiore a profeti e patriarchi

Are Nigeria's 'Middle Belt' Christians victims of ethnic cleansing? Published: July 13, 2015 by World Watch MonitorIt has been a deadly July in Nigeria. More than 200 people have been killed since June 30 in attacks that have come almost daily in the country's northern and northeastern regions, stronghold of the militant Islamic sect Boko Haram. ...

Nigeria (North)
Fulani
Boko Haram
Ethnic Cleansing
Research Latest News





Are Nigeria's 'Middle Belt' Christians victims of ethnic cleansing? Published: July 13, 2015 by World Watch MonitorIt has been a deadly July in Nigeria. More than 200 people have been killed since June 30 in attacks that have come almost daily in the country's northern and northeastern regions, stronghold of the militant Islamic sect Boko Haram. ...





Nigeria (North)
Fulani
Boko Haram
Ethnic Cleansing
Research Latest News



How does a man kill ‘in God’s name’? asks former UK Chief Rabbi Jonathan Sacks


Published: July 8, 2015 by Ronald Boyd-MacMillan Ten years on from the 7/7 London bombings, in which 52 people were killed and hundreds were injured ...

Boko Haram victim ‘left for dead’ in 2012 loses sister and her two children in church bomb


Published: July 7, 2015 by Illia Djadi The sister of a man whose miraculous survival from a shot in the head by Boko Haram took him to ...

Police rescue Pakistani Christian from ‘mob justice’ over blasphemy


Published: July 3, 2015 by Asif Aqeel A Christian father of four was beaten, had his head shaved, his face blackened, and was dragged ...



UPDATE S Sudan pastors will face trial, judge rules


Published: July 2, 2015

Egyptian solider, the only Christian in his unit, found dead


Published: July 1, 2015

Modi’s UN Yoga Day latest example of co-incidence with Christian ‘high days and holidays’


Published: June 29, 2015

Case of the disappearing Christian CDs: 7 years on, Malaysian court orders their return


Published: June 24, 2015

Egyptian convert still in jail having served his time


Published: June 22, 2015

Coptic boys on bail, anti-Islam charges pending


Published: June 18, 2015 I precetti del Talmud che riguardano i Cristiani - I.B. Pranaitis tratto da "Il Talmud smascherato" PDF Stampa E-mail






I precetti del Talmud che riguardano i Cristiani - I.B. Pranaitis tratto da "Il Talmud smascherato" Da quanto è stato dimostrato fin'ora, appare chiaro che, secondo l'insegnamento del Talmud, i cristiani sono idolatri e tenuti in odio agli ebrei. Di conseguenza, ogni ebreo che desidera piacere a Dio ha il dovere di osservare i precetti che furono trasmessi ai Padri della loro razza quando vivevano in Terra Santa e che riguardano i gentili idolatri, sia quelli che abitavano fra di loro che quelli che abitavano in paesi vicini. L'ebreo perciò deve (1) Evitare i cristiani; (2) Fare tutto ciò che può per sterminarli. CAPITOLO I - I CRISTIANI DEVONO ESSERE EVITATI - Gli ebrei devono evitare tutti i contatti con i cristiani per quattro motivi: (1) Perchè non sono degni di partecipare alla vita ebraica; (2) Perchè sono immondi; (3) Perchè sono idolatri; (4) Perchè sono assassini. Articolo I. - I Cristiani Devono Essere Evitati - Perchè Sono Indegni di Partecipare ai Costumi Ebraici. L'ebreo, per il fatto di appartenere alla razza eletta e di essere circonciso, possiede una ...




... tale dignità che nessuno, nemmeno un angelo, può essergli uguale. Infatti, egli viene considerato quasi uguale a Dio. "Colui che colpisce un israelita" dice il rabbino Chanina "agisce come se schiaffeggiasse la faccia della Divina Maestà di Dio."

L'ebreo è sempre considerato buono, nonostante certi peccati che possa commettere; né possono i suoi peccati contaminarlo, più di quanto la sporcizia possa contaminare il gheriglio della noce, ma sporca solo il suo guscio. Solo l'ebreo è considerato un uomo; l'intero mondo gli appartiene e tutte le cose lo devono servire, specialmente "gli animali che hanno forma di uomini."

E' perciò chiaro che essi considerano contaminanti tutti i contatti con i cristiani, in quanto detraggono dalla loro dignità. Perciò essi devono secondo la loro legge tenersi il più lontano possibile da tutti coloro che vivono e agiscono come fanno i cristiani.




1. L'EBREO NON DEVE SALUTARE IL CRISTIANO




Nel Gittin, (62a), si dice:

"L'ebreo non deve mai entrare nella casa di un Nokhri di giorno di festa per salutarlo. Comunque, se lo incontra per la strada, potrà salutarlo, ma brevemente e a testa china."




2. L'EBREO NON DEVE RICAMBIARE IL SALUTO DEL CRISTIANO




Nello Iore Dea (148,10) si dice:

"L'ebreo non deve ricambiare il saluto del cristiano inchinandosi davanti a lui. E' bene perciò salutarlo per primo evitando così di rispondere in caso che l'Akum lo saluti per primo."

Il rabbino Kohana dice che quando un ebreo saluta un cristiano egli deve prima dire ""Pace al mio Signore," intendendo con ciò il suo rabbino. Infatti il Tosephoth dice: "Perchè il suo cuore si rivolgeva al suo rabbino."




3. L'EBREO NON DEVE PRESENTARSI DAVANTI AD UN GIUDICE

CRISTIANO




Nel Choshen Hammischpat (26,1) si dice:

All'ebreo non è permesso portare il suo caso davanti ai giudici Akum, anche se la questione venisse giudicata secondo le decisioni della legge ebraica, e anche se entrambe le parti fossero d'accordo di attenersi a tali decisioni. Colui che lo fa è empio e simile ad uno che calunnia e bestemmia e che alza la mano contro la Legge trasmessa a noi da Mosè, il nostro grande legislatore. La Hagah dice "Il Bethin ha il potere di scomunicare questa persona fino a che egli non liberi il suo fratello ebreo dalle mani dei gentili.'"

4. NON E' PERMESSO USARE I CRISTIANI COME TESTIMONI

Nel Choshen Hammischpat (26.1) si dice:

"Il Goi o il suo servo è incapace ad agire come testimone."

5. ALL'EBREO NON E' PERMESSO DI CIBARSI DI CIBO CRISTIANO

Nello Iore Dea (112,1) si dice:

"Gli anziani proibirono di mangiare il cibo degli Akum, per non sembrare di essere in rapporti di amicizia con loro."

E nell' Abhodah Zarah (35b) si dice:

"Le cose seguenti che appartengono ai Goim sono proibite: Latte che un Goi prende da una mucca, se non è presente un ebreo; anche il loro pane, ecc."

6. L'EBREO NON DEVE MAI AGIRE NEL MODO DEI CRISTIANI

Nello Iore Dea (178,1) si dice:

"Non è permesso imitare le usanze degli Akum e agire come loro. Non è permesso indossare abiti come gli Akum, e nemmeno pettinarsi come fanno loro .... nè devono gli ebrei costruire case che assomiglino ai templi degli Akum."

Comunque, dato che non è possible osservare tutte queste regole in tutti i luoghi, la Hagah dice che, fino ad un certo punto, si possono fare eccezioni come nel caso in cui ciò tornasse a vantaggio di un ebreo - se, per esempio, un ebreo potesse trarre profitto da un commercio che richiede un certo tipo di abbigliamento.




*****




Articolo II - I Cristiani Devono Essere Evitati -

Perchè Sono Immondi




Non si sa quanto spesso l'ebreo debba lavarsi e purificarsi, e nemmeno quanto debba studiare per evitare tutto ciò che può contaminarlo. Il Talmud insegna, comunque, che i cristiani sono persone il cui semplice contatto tattile rende le cose immonde. Nell' Abhodah Zarah (72b) si legge:

"Un certo uomo stava versando del vino da un contenitore ad un altro per mezzo di un tubo, quando un Goi venne e toccò il tubo con la mano. Il risultato fu che tutto il vino (di entrambi i contenitori) dovette essere gettato via."

Tutti i recipienti, perciò, devono essere lavati se l'ebreo l'ha acquisito da un cristiano, anche se non è mai stato usato. Nello Iore Dea (120,1) si dice:

"Se un ebreo compra da un Akum un recipiente per usarlo a tavola, sia che sia fatto di metallo, di vetro o di piombo, anche se è nuovo, lo dovrà lavare in un Mikvah (grande catino), o in una cisterna che tenga quaranta quarti d'acqua."




*****




Articolo III. I Cristiani Devono Essere Evitati -

Perche' Sono Idolatri




1. AFFINCHE' l'ebreo non diventi occasione di peccato per il cristiano idolatro, secondo il precetto di Levit. XIX,14: Non porre una pietra d'inciampo davanti al cieco- egli dovrà evitare tutti i contatti con essi nei loro giorni di culto ai loro dei. Nell' Abhodah Zarah (2a) si dice:

"Non è permesso comperare o vendere loro alcunché nei tre giorni che precedono le loro feste idolatriche. E' anche proibito concedere o accettare aiuto da loro, scambiare denaro con loro, rimborsare loro un prestito o permettere loro di rimborsare i loro prestiti."

Nell' Abhodah Zarah, 78c (il Perusch di Maimonide, fol.8), si dice:

"Tutte le feste dei seguaci di Gesù sono proibite, e noi dobbiamo comportarci nei loro confronti come faremmo con gli idolatri. Il primo giorno della settimana è la loro festa principale, ed è perciò proibito intrattenere, nel loro giorno di sabato, qualsiasi contatto d'affari con coloro che credono in Gesù. Riguardo il loro sabato, noi dobbiamo osservare le stesse regole che osserviamo per le festività degli idolatri, come insegna il Talmud."

2. L'EBREO NON DEVE USARE ALCUNA COSA CHE RIGUARDI IL

CULTO DEI CRISTIANI.

Nello Iore Dea (139,1) si dice:

"E' proibito avere a che fare con gli idoli e con qualsiasi cosa venga usata per il loro tipo di culto, sia che sia fatta dagli Akum o dagli ebrei."

3. E' PROIBITO VENDERE AI CRISTIANI QUALSIASI COSA CHE

SERVA PER IL LORO CULTO IDOLATRICO.

Nell' Abhodah Zarah (14b, Toseph) si dice:

"E' sempre proibito vendere incenso ad un prete idolatra, infatti è evidente che quando egli lo chiede, lo vuole per il solo scopo di offrirlo al suo idolo. Perciò, chiunque glielo venda, pecca contro il precetto che ci proibisce di porre una pietra d'inciampo davanti al cieco. E' anche proibito vendere candele ai gentili per la loro Festa delle Candele. Le candele comunque possono essere loro vendute negli altri giorni. Né è permesso vendere un calice ad un gentile che l'ebreo abbia comprato dopo che è stato rotto e gettato via da un Goi. E' permesso rivenderlo ad un gentile dopo che sia stato completamente rifatto. Infatti, dopo che è stato rotto una sola volta, esso può essere ancora usato per contenere il vino che offrono in onore del loro idolo." Segue poi la proibizione circa la vendita di libri ai preti cristiani, come abbiamo visto sopra. Anche il lavoro di rilegare tali libri è proibito per gli ebrei. Nello Iore Dea (139,15) si dice:

"E' proibito rilegare i libri degli Akum, con l'eccezione dei libri di legge. E' permesso, comunque, se il rifiuto do farlo dovesse causare ostilità, ma solo dopo che ogni sforzo sia stato fatto per rifiutare tale lavoro."

Similmente, nello Iore Dea (151,1, Hagah):

"Non è permesso vendere acqua ad un Akum se si sa che verrà usata come acqua battesimale."

Si fa menzione anche di molte altre cose che è proibito vendere ai cristiani, come: stoffa che possa essere usata per confezionare vestimenti sacerdotali e bandiere; carta e inchiostro che possa essere usata per scrivere libri riguardanti il loro culto. E' proibito vendere, o anche dare in affitto, ai cristiani case che verranno usate come luoghi di culto. Oggigiorno, comunque, gli ebrei commerciano con i cristiani specialmente nei giorni delle feste cristiane e vendono loro delle case ben sapendo che certi sacramenti verranno amministrati in esse, come il Battesimo, la Santa Comunione e l'Estrema Unzione. Il Talmud non può dare nessuna spiegazione di ciò, e nell'Abhodah Zarah (2a, Toseph) si dice:

"E' difficile dire con quale diritto gli ebrei oggigiorno commercino con i Goim nei loro giorni (malvagi) di festa. Infatti, sebbene molti di essi commettano tutti i tipi di perversione e atti licenziosi nei loro giorni di festa in onore di santi che non considerano dei, eppure ogni settimana essi celebrano il Giorno del Nazzareno ((Domenica)) che ci è sempre stato proibito."

Bartenora, comunque, nel suo commentario sull' Abhodah Zarah (I,2,fol.7b) dice:

"Dato che, mentre siamo in cattività, non possiamo vivere senza commerciare con loro e dipendiamo da loro per il nostro nutrimento, e dobbiamo temerli, è proibito commerciare con loro solo nei loro giorni di festa. Inoltre, è ora permesso commerciare con loro anche nei giorni stessi delle loro feste, perchè i rabbini sono convinti che non pratichino il culto dei loro idoli solo perchè commerciano con noi. E ciò che è proibito in questo libro deve essere considerato come riferentesi direttamente all'idolatria."

Il rabbino Tam comunque, sostiene che la Mischnah proibisce solamente di vendere agli idolatri cose che essi useranno per il culto degli idoli, dato che essi si rallegrano e adorano i loro idoli in quanto ottengono le cose necessarie per tale culto. Egli lo spiega così (nell'Abhodah Zarah, 2a, Toseph):

"Nessuno dovrebbe meravigliarsi di questa nostra usanza. Infatti, sebbene noi li consideriamo idolatri, essi possono solo offrire quello che comperano con il denaro. Per cui, il nostro guadagno e la loro gioia non è il motivo di questa proibizione, in quanto essi avrebbero abbastanza denaro per queste cose, anche se noi non commerciassimo con loro."

4. QUESTA PROIBIZIONE NON SI APPLICA NEL CASO DEGLI ATEI

Nello Iore Dea (148,5) si dice:

"E' permesso inviare un regalo ad un Akum in uno dei loro giorni di festa se si sa che egli non crede negli idoli e che non rende loro nessun culto."

Maimonide dice la stessa cosa nello Hilkhoth Akum (IX,2):

"E' sbagliato anche inviare un regalo ad un Goi nei loro giorni di festa a meno che non si sia certi che egli non crede nel culto degli idoli cristiani, e non li serva."




*****




Articolo IV - I Cristiani Devono Essere evitati -

Perchè Sono Perversi




NON C'E' nulla di cui gli ebrei siano più convinti del male che i cristiani possano fare ai figli di Israele. A causa di ciò, i capi del popolo eletto hanno sempre insegnato agli ebrei di non accettare aiuto dai cristiani in quanto essi faranno sempre ricorso all'omicidio e ad altri crimini tutte le volte che non riusciranno a conseguire i loro scopi perversi. Così, l'ebreo non deve assumere dei cristiani per prestare opera di balia o insegnante dei suoi bambini, o di barbiere, medico od ostetrico.




1. NON COME BALIA




Nello Iore Dea (81,7, Hagah) si dice:

"Se è possibile assumere un israelita, non bisogna assumere un Nokhri come balia per i bambini; infatti, il latte di una Nokhrith indurisce il cuore del bambino e gli infonde una natura perversa."




2. NON COME INSEGNANTE




Nello Iore Dea (155,1, Hagah) si dice:

"Il bambino non deve essere affidato agli Akum per imparare l'educazione, la letteratura e le arti, infatti essi lo condurranno all'eresia."




3. NON COME MEDICO




Nello Iore Dea (155,1) si dice:

"Quando un ebreo è in qualche modo ferito, anche così gravemente da dovere infrangere il sabato facendo chiamare un medico, egli non deve affidarsi ad un medico cristiano (Akum ) che non sia conosciuto a tutti nel vicinato; infatti, noi dobbiamo premunirci contro il versamento di sangue. Anche se non si sa se il paziente vivrà o morrà, non si dovrà permettere a tale medico di curarlo. Se, comunque, si è sicuri che morrà, allora tale medico può curarlo, dato che un'ora di meno da vivere non è una gran perdita. Se l' Akum insiste che una certa medicina è buona, è permesso credergli, ma non acquistatela da lui. Alcuni dicono che ciò si applica solo quando l'Akum offre i suoi servizi gratuitamente e che si può accettare ogni volta che viene pagato. Ma si può essere sicuri che essi non farebbero del male ad un ebreo solo per amor di denaro."

Nel Pesachim (25a) si dice:

"Il rabbino Jochanan dice: l'assistenza medica di chiunque può essere accettata eccetto quella degli idolatri, dai fornicatori, e dagli assassini.

4. NON COME BARBIERE

Nello Iore Dea (156,1) si dice:

Non è lecito farsi radere da un Akum a meno che non si sia accompagnati da amici ebrei. Alcuni dicono che non è permesso farsi radere da un Akum anche se altri sono presenti, a meno che non ci si possa vedere in uno specchio."

5. NON COME OSTETRICA

Nell' Abhodah Zarah (26a) si dice:

"I nostri rabbini ci hanno trasmesso l'insegnamento che non si può permettere alla donna straniera di agire da ostetrica alla nascita di un figlio di Israele, perchè gli stranieri indulgono nello spargimento di sangue. Gli anziani, comunque, dicono che una donna straniera può prestare questo tipo di assistenza purchè siano presenti altre donne ebree e non sia mai lasciata sola. Il rabbino Meir, comunque, dice che ciò non è permesso nemmeno quando altre donne sono presenti. Infatti, spesso avviene che schiaccino con la mano la morbida testa del bambino e lo uccidano; e questo può essere fatto senza che nessuno delle presenti lo noti.




CAPITOLO II

I CRISTIANI DEVONO ESSERE STERMINATI




I seguaci di "quell'uomo," il cui nome per gli ebrei significa "Possano il suo nome e la sua memoria essere cancellati," non devono essere considerati diversi da gente di cui è bene liberarsi. Coloro che tengono i figli di Israele in cattività sono chiamati romani e tiranni, e con la loro distruzione gli ebrei saranno stati liberati da questa quarta cattività. Ogni ebreo è perciò tenuto a fare tutto quello che può per distruggere l'empio regno degli edomiti (Roma) che governa il mondo intero. Siccome, però, non è sempre e dovunque possibile effettuare questo sterminio di cristiani, il Talmud ordina che essi siano attaccati almeno indirettamente, e cioè: di causare loro del male in tutti i modi possibili, e di ridurre con questo mezzo il loro potere al fine di aiutare la loro distruzione finale. Quando possibile, l'ebreo deve uccidere i cristiani, e farlo senza pietà.




Articolo I. - SI DEVE FARE DEL MALE AI CRISTIANI




L'ebreo ha l'obbligo di fare del male ai cristiani per quanto egli possa, sia indirettamente - non aiutandolo in nessuna maniera - che direttamente - distruggendo i loro piani e progetti; né deve salvare il cristiano in pericolo di morte.




I. NON SI DEVE FARE DEL BENE AI CRISTIANI




Nello Zohar (1,25b) si legge:

"Coloro che fanno del bene all'Akum ... non sorgeranno dai morti."

A volte è permesso fare del bene ai cristiani, ma solo per aiutare Israele, cioè, per amore di pace e per nascondere l'odio nutrito verso di essi. Maimonide nello Hilkhoth Akum (X,6) dice:

"E' permesso aiutare i gentili bisognosi così come gli ebrei bisognosi, per amore di pace..."

Nello Iore Dea (148,12 Hagah) si legge:

"Perciò, se tu entrerai in una città e troverai che vi si celebra una festa, tu potrai fingere di rallegrartene assieme a loro per nascondere il tuo odio. Coloro che tengono alla salvezza della loro anima, comunque, dovranno tenersi lontani da tali celebrazioni. Si dovrebbe far sapere che è cosa odiosa rallegrarsi con loro, se ciò può essere fatto senza incorrere nella loro inimicizia."

1. NON E' PERMESSO LODARE UN CRISTIANO

Nell'Abhodah Zarah (20,a, Toseph) si legge:

"Non dite niente a loro lode, affinchè non si dica:

Com'è buono quel goi."

In questa maniera, essi spiegano le parole del Deuteronomio (VII,2) ... e tu non mostrerai loro (goim) nessuna misericordia, come citato nella Gemarah. Il rabbino S. Iarchi spiega questo passo della Bibbia come segue:

"Non fate loro nessun complimento; è infatti proibito dire: com'è buono quel goi!"

Nello Iore Dea (151,14) si legge:

"A nessuno è permesso lodarli o dire quanto sia buono un Akum. Tanto meno lodare quello che fanno o raccontare di loro cose che tornino a loro gloria. Se, comunque, lodandoli si intende rendere gloria a Dio, e cioè, in quanto egli ha creato delle belle creature, allora è permesso farlo."




2. ALL'EBREO NON E' PERMESSO MENZIONARE LE COSE CHE I

CRISTIANI USANO PER IL LORO CULTO IDOLATRICO.




Nello Hilkhoth Akum (V,12) si legge:

"E' inoltre proibito menzionare l'Akum; è infatti scritto (Exodus XXIII,13): ... non menzionare gli altri dei."

3. SI DEVE PARLARE DEI LORO IDOLI CON SPREGIO

Nello Iore dea (146,15) si legge:

"I loro idoli devono essere distrutti, o chiamati con nomi spregevoli."

Ibidem, (147,5):

"E' permesso deridere gli idoli, ed è proibito dire ad un goi: Dio ti aiuti, oppure ti auguro di riuscire."

Il rabbino Bechai, spiegando il testo del Deuteronomio sull'odio verso l'idolatria, dice:

"Le Scritture insegnano di odiare gli idoli e di chiamarli con nomi ignominiosi. Perciò, se il nome di una chiesa è Bethgalia--"casa di magnificenza," essa dovrebbe essere chiamata Bethkaria - casa insignificante, porcile, latrina. Questa parola karia infatti, denota un luogo basso, un tugurio."

In diversi punti gli ebrei danno nomi ignominiosi alle cose cristiane. Non è fuori luogo elencarne qui di seguito alcuni che essi danno a cose e persone considerate care e sante dai cristiani:

GESU' viene ignominiosamene chiamato Jeschu- che significa Possano il suo nome e la sua memeoria essere cancellati. In ebraico, il suo vero nome è Jeschua che significa Redenzione (Salvamento).

MARIA LA MADRE DI GESU', viene chiamata Charia - sterco, escrementi (tedesco Dreck). In ebraico il suo vero nome è Miriam.

I SANTI CRISTIANI, per cui la parola in ebraico è Kedoshim, sono chiamati Kededchim, (cinaedos)- uomini effemminati (Fate). Le sante sono chiamate Kedeschoth, Puttane.

LA DOMENICA viene chiamata il giorno della calamità.

LA FESTA DI NATALE viene chiamata Nital, che indica sterminio.

PASQUA non viene chiamata con il suo nome corretto Pesach (Pasqua ebraica), ma Ketsach, che significa abbattere; oppure Kesach, impiccagione.

UNA CHIESA CRISTIANA non viene chiamata Beth Hattefillah, Casa di Preghiera, ma Beth Hattiflah, Casa di Vanità, Casa del Male.

I LIBRI DEL VANGELO sono chiamati Aavon Gilaion, Libri di Iniquità.

I SACRIFICI CRISTINAI sono chiamati Offerte di Sterco. Nel Talmud di Jerusalemme (fol.13b) si trova quanto segue:

"Colui che li vede mezabbelim (defecare - offrire il sacrificio) di fronte al loro idolo, deve dire (Esodo XXII, 20): Colui che sacrifica ad un idolo, sia completamente distrutto."

Il rabbino Iarchi (riferendosi a Num. XXV,3), insegna che i gentili onorano il loro Dio defecando davanti a lui.

UNA RAGAZZA CRISTIANA che lavora per gli ebrei nel loro giorno di Sabato viene chiamata Schaw-wesschicksel, Immondizia del Sabato.




4. GLI EBREI NON POSSONO FARE REGALI AI CRISTIANI




Nello Hilkhoth Akum (X5) si legge:

"E' proibito fare regali ai goim. Ma è permesso farli ad un convertito che vive fra gli ebrei; è detto, infatti: 'Datelo da mangiare al viaggiatore che si ferma nelle vostre città, oppure vendetelo ad un gentile, cioè, vendetelo, non datelo'."

Nello Iore Dea (151,11) si legge:

"E' proibito fare dei regali all'Akum con il quale l'ebreo non deve intrattenersi amichevolmente."

Il Talmud, comunque, permette agli ebrei di fare doni a gentili che egli conosce e dai quali egli spera di avere qualcosa in cambio.




5. E' PROIBITO ALL' EBREO VENDERE LA PROPRIA FATTORIA AD

UN CRISTIANO




Nello Iore Dea (334,43) si legge:

"L'ebreo dovrà essere ripudiato in 24 casi, cioè... 8° caso: Chiunque venda la sua fattoria agli Akum deve essere mandato in esilio - a meno che egli non si impegni a risarcire tutto il danno causato agli ebrei che devono subire un Akum come vicino."

6. E' PROIBITO INSEGNARE UN'ATTIVITA' COMMERCIALE AI

CRISTIANI

Nello Iore Dea (154,2) si legge:

"Non è permesso insegnare alcuna attività commerciale agli Akum"

II. SI DEVE DANNEGGIARE IL LAVORO DEI CRISTIANI

Dato che i goim servono gli ebrei come bestie da soma, essi appartengono agli ebrei con tutte le loro facoltà e la loro vita:

"La vita di un goi e tutte le sue capacità fisiche appartengono all'ebreo." (A. Rohl. Die Polem. p.20)

E' un assioma dei rabbini che l'ebreo possa prendere qualsiasi cosa appartenga ai cristiani per qualsiasi motivo, anche con la frode; e ciò non può essere definito rubare dato che è semplicemente prendere ciò che gli appartiene.

Nel Babha Bathra (54b) si legge:

"Tutte le cose che appartengono ai goim sono come un deserto; il primo che passa e le prende può rivendicarne la proprietà."

1. NON SI DEVE FAR SAPERE AI CRISTIANI SE PAGANO UN PREZZO

TROPPO ALTO AD UN EBREO

Nel Choshen Hammischpat (183,7) si legge:

"Se mandi un messaggero a ritirare del denaro da un Akum e l' Akum paga più di quanto deve, il messaggero può tenersi la differenza. Ma se il messaggero non lo sa, la puoi tenere tu stesso."

2. GLI OGGETTI SMARRITI DEI CRISTIANI NON DEVONO MAI

ESSERE LORO RESTITUITI

Nel Choshen Hammischpat (226,1) si legge:

"L'ebreo potrà tenere tutte le cose che trova, se sono di proprietà di un Akum, in quanto sta scritto: Restituisci a tuo fratello ciò che è stato perduto (Deuter. XXII,3). Infatti, colui che restituisce (ai cristiani) un oggetto smarrito pecca contro la Legge in quanto aumenta il potere dei trasgressori della Legge. E' lodevole, comunque, restituire gli oggetti smarriti, se ciò viene fatto in onore del nome di Dio, cioè, se a causa di ciò gli ebrei saranno lodati e considerate dai cristiani persone d'onore."

3. E' PERMESSO FRODARE I CRISTIANI

Nel Babha Kama (113b) si legge:

"E' permesso ingannare un goy."

E nel Choshen Hammischpat (156,5. Hagah) si legge:

"Se un ebreo fa buoni affari con un Akum, in certi posti non è permesso agli altri ebrei di venire e fare affari con lo stesso Akum. In altri luoghi, comunque, è diverso ed è permesso a un altro ebreo di andare dallo stesso Akum, circuirlo, fare affari con lui e prendere il suo denaro. Infatti la ricchezza dell' Akum deve essere considerata proprietà comune e appartiene al primo che può appropriarsene. C'è, comunque, chi dice che ciò non va fatto."

Nel Choshen Hammischpat (183,7 Hagah) si legge:

"Se un ebreo fa affari con un Akum e un fratello israelita sopravviene e froda l' Akum per mezzo di falsi pesi o misure o numeri, egli deve dividere il suo profitto con il suo fratello israelita, dato che entrambi hanno partecipato all'affare, e anche per aiutarlo."

4. UN EBREO PU0' FINGERE DI ESSER UN CRISTIANO PER

INGANNARE I CRISTIANI

Nello Iore Dea (157,2. Hagah) si legge:

"Se un ebreo può ingannarli (gli idolatri) fingendo di essere un adoratore di stelle, gli è permesso farlo."

5. AGLI EBREI E' PERMESSO ESERCITARE L'USURA NEI

CONFRONTI DEI CRISTIANI

Nell'Abhodah Zarah (54a) si legge:

"E' permesso esercitare l'usura nei confronti degli apostati caduti in idolatria."

E nello Iore Dea (159,1) si legge:

"E' permesso, secondo la Torah, prestare denaro ad usura ad un Akum. Alcuni anziani comunque negano ciò eccetto nel caso di vita o di morte. Al giorno d'oggi è permesso per qualsiasi motivo."

*****

III. I CRISTIANI DEVONO ESSERE DANNEGGIATI NELLE QUESTIONI

LEGALI

1. ALL'EBREO E' PERMESSO MENTIRE E GIURARE IL FALSO PER

FAR CONDANNARE UN CRISTIANO

Nel Babha Kama (113a) si legge:

"Il nostro insegnamento è il seguente: Quando un ebreo e un goi appaiono in tribunale, assolvi l'ebreo, se puoi, secondo le leggi d'Israele. Se il goi vince, digli che ciò è quanto la nostra legge richiede. Se, comunque, l'ebreo può essere assolto secondo la legge dei gentili, assolvilo e digli che ciò è fatto secondo le nostre leggi. Se ciò non può essere fatto, procedi con durezza contro il goi, come consiglia il rabbino Ischmael. Il rabbino Akibha, comunque, sostiene che non si può agire con frode per non profanare il Nome di Dio, e per non avere un ebreo rinviato a giudizio per spergiuro."

Una nota a margine, comunque, spiega questa precisazione del rabbino Akibha come segue:

"Il nome di Dio non viene profanato se il goi non sa che l'ebreo ha mentito."

E più avanti, il Babha Kama (113b) dice:

"Il nome di Dio non è profanato quando, per esempio, un ebreo mente ad un goi dicendo: 'Io ho dato qualcosa a tuo padre, ma egli è morto; tu me lo devi restituire,' purchè il goi non sappia che tu stai mentendo."

2. E' PERMESSO AD UN EBREO GIURARE IL FALSO CON COSCIENZA

PULITA

Nel Kallah (1b, p.18) si legge:

"Essa (la madre del mazmer) gli disse, 'Giura davanti a me.' E il rabbino Akibha giurò con le labbra, ma nel suo cuore invalidò il giuramento.'

Un concetto simile si trova nello Schabbuoth Hagahoth del rabbino Ascher (6d):

"Se il magistrato di una città costringe gli ebrei a giurare che non fuggiranno da quella città e che non ne asporteranno cosa alcuna, essi potranno giurare il falso dicendo a se stessi che non fuggiranno quel giorno, e che non asporteranno cosa alcuna dalla città solo in quel giorno."




*****




IV. I CRISTIANI DEVONO ESSERE DANNEGGIATI NELLE COSE

NECESSARIE ALLA SOPRAVVIVENZA

Gli ebrei non dovranno risparmiare nessun mezzo per combattere i tiranni che li tengono in questa Quarta Cattività al fine di liberarsene. Essi devono combattere i cristiani con l'astuzia e non fare nulla per evitare che il male li colga: i loro malati non devono essere curati, le donne cristiane non devono essere aiutate durante il parto, e i cristiani non devono essere salvati se in pericolo di morte.




1. UN EBREO DEVE SEMPRE CERCARE DI INGANNARE I CRISTIANI

Nello Zohar (I,160a) si legge:

"Il rabbino Jehuda gli ha detto (al rabbino Chezkia): 'E' degno di lode colui che è capace di liberarsi dai nemici di Israele, e sono molto degni di lode i giusti che si liberano da essi e li combattono.' Il rabbino Chezkia chiese, 'Come dobbiamo combatterli?' Il rabbino Jehuda disse, 'Con saggi consiglierai guerra contro di loro. (Proverbi, cap.24,6). Con che tipo di guerra? Il tipo di guerra che ogni figlio d'uomo deve combattere contro i suoi nemici, e che Giacobbe usò contro Esaù - quando possibile, con l'inganno e la frode. Essi devono essere combattuti senza posa, fino a che il giusto ordine non sia ristabilito. E' perciò con soddisfazione che dico che noi ci dobbiamo liberare da loro e regnare su di loro."

2. NON SI DEVE AIUTARE UN CRISTIANO AMMALATO

Nello Iore Dea (158,1) si legge:

"Gli Akum non devono essere curati, nemmeno per denaro, a meno che ciò non provochi la loro inimicizia."

3. NON SI DOVRA' AIUTARE LA DONNA CRISTIANA DURANTE IL

PARTO

Nell' Orach Chaiim (330,2) si legge:

"Nessun aiuto, benchè minimo, dovrà essere prestato ad una donna Akum durante il parto in giorno di sabato, in quanto il sabato non deve essere violato."

4. NON SI DOVRA' AIUTARE UN CRISTIANO IN PERICOLO DI MORTE

Nel Choshen Hammischpat (425,5) si legge:

"Se vedete un eretico che non crede nalla Torah cadere in un pozzo con una scala, affrettatevi immediatamente e portatela via dicendogli 'Devo andare a prendere mio figlio giù da un tetto. Ti riporterò la scala immediatamente o qualcosa del genere. I Kuthaei, comunque, che non sono nostri nemici e che si prendono cura delle pecore degli israeliti, non devono essere uccisi direttamente, ma non devono essere salvati dalla morte."

E nello Iore Dea (158,1) si legge:

"Gli Akum che non sono nostri nemici non devono essere uccisi direttamente, ciò non ostante essi non dovranno essere salvati dal pericolo di morte. Per esempio, se vedete uno di essi cadere in mare, non tiratelo su a meno che egli non vi prometta del denaro."




Maimonide nello Hilkhoth Akum X,1.

Non licet misereri eorum; quia dicitur: "Ne misereberis eorum"1). Idcirco, si quis viderit Adum pereuntem, vel aquis demersum, ne opem ferat. Si eum morti proximum viderit, ne eripiat morti. Attamen manu sua eum perdere, praecipitem in puteum dare, vel siquid huic simile, nefas est, quia nobiscum bellum non gerit.




Maimonide, nello Hilkhoth Akum (X,1) dice:

"Non abbiate pietà di loro: infatti, è detto (Deuter. VII,2): Non mostrate loro pietà. Perciò, se vedete un Akum in difficoltà o annegare, non andate in suo aiuto. E se egli fosse in pericolo di morte, non salvatelo. Ma non è giusto ucciderlo con la vostra mano spingendolo nel pozzo o in altro modo, dato che essi non sono in guerra contro di noi."

Articolo II - I CRISTIANI DEVONO ESSERE UCCISI

INFINE, il Talmud comanda che i cristiani siano uccisi senza pietà. Nell' Abhodah Zarah (26b) si legge:

"Eretici, traditori e apostati devono essere gettati in un pozzo e non devono essere soccorsi."

E nel Choshen Hammischpat (388,10) si legge:

"Le spia dovrà essere uccisa, anche ai nostri giorni, dovunque si trovi. Essa può essere uccisa anche prima che confessi. E anche se ammette di aver voluto solo far del male a qualcuno, e se il male che voleva fare non era molto grande, è sufficiente per condannarla a morte. Essa comunque deve essere avvertita di non confessare in questa maniera. Ma se impudentemente essa dice "No, lo confesserò!" allora dovrà essere uccisa, il prima possibile. Se non c'è tempo per avvertirla, non è necessario farlo. Alcuni dicono che un traditore deve essere messo a morte solo quando è impossibile liberarsene mutilandolo, cioè, tagliandogli la lingua o strappandogli gli occhi, ma se ciò è possibile non dovrà essere ucciso, dato che egli non è peggiore di altri che ci perseguitano."

E nello Choshen Hamm.di nuovo (388,15) si legge:

"Se si può dimostrare che qualcuno ha tradito Israele tre volte, o che ha dato il denaro di israeliti agli Akum, si dovrà trovare il modo, dopo prudente considerazione, di eliminarlo dalla faccia della terra."




*****




Quinimo, ipsum studium Legis Iudaeorum mortis poenam meretur.

Sanhedrin 59 a:

R. Iochanan dicit: Goi scrutans legem, reus est mortis.




Il cristiano che viene scoperto a studiare la Legge d'Israele merita la morte. Nel Sanhedrin (59a) si legge:

"Il rabbino Jochanan dice: Un goi che ficca il naso nella Legge è colpevole di morte."




II. Occidendi sunt Baptisma suscipientes Iudaei.

Hilkhoth Akum X,2:

Haec dicta sunt 1) de idolatris. Sed Israelitarum illos, qui a religione desciverint, vel Epikurei evaserint, trucidare, atque ad inferos usque persequi iubemur. Quippe affligunt Israelem, populumque a Deo avertunt.




II. GLI EBREI BATTEZZATI DEVONO ESSERE MESSI A MORTE

Nello Hilkhoth Akum (X,2) si legge:

"Queste cose (supra) si intendono per gli idolatri. Ma anche gli israeliti che lasciano la loro religione e diventano epicurei devono essere uccisi e noi dobbiamo perseguitarli fino alla fine. Infatti essi affliggono Israele e distolgono il popolo da Dio."

*****

E nello Iore Dea (158,2 Hagah) si legge:

"I rinnegati che si rivolgono ai piaceri degli Akum, e che ne rimangono contaminati adorando le stelle e i pianeti come essi fanno, devono essere uccisi."

In modo simile, si dice nello Choshen Hammischpat (425,5):

"Gli ebrei che diventano epicurei, che si danno all'adorazione delle stelle e dei pianeti e peccano maliziosamente; anche coloro che mangiano la carne di animali feriti, o che vestono abiti vani, meritano il nome di epicurei; in simil modo, coloro che negano la Torah e i Profeti d'Israele - la legge è che tutti questi debbano essere uccisi; e coloro che hanno il potere di vita e di morte devono farli uccidere; e se ciò non potesse essere fatto, essi dovranno essere portati alla morte con l'inganno."

Qui sint isti abnegantes Legem, clare demonstrat R. Maimon in Hilkhoth Teschubhah III, 2).

Tres sunt classes negantium Torah: 1. Qui dicunt non a Deo datam esse Torah, aut (non a Deo) saltem unum eius versum, saltem verbum unum, sed (tenent) Moysen a seipso hoc dixisse, omnis (qui ita dicit) abnegat Legem. 2. Qui abiiciunt eius explicationem, quae dicitur Torah oralis (Mischnah), neque agnoscunt eius doctores, quemadmodum (fecerunt) Tsadok 3) et Baithos 4). 3. Qui di-




Il rabbino Maimonide, nello Hilkhoth Teschubhah (III,8), fornisce l'elenco di coloro che vengono considerati negatori della Legge:

"Ci sono tre categorie di persone che negano la Legge della Torah: 1) Coloro che dicono che la Torah non è stata data da Dio, almeno un verso o una parola di essa (sic), e che dicono che è stato tutto lavoro di Mosè; 2) Coloro che rifiutano la spiegazione della Torah, cioè, la Legge Orale della Mischnah, e coloro che non riconoscono l'autorità dei Dottori della Legge, come i seguaci di Tsadok (Sadducei) e di Baithos; 3) Coloro che dicono che Dio ha cambiato la Legge per un'altra Nuova Legge, e che la Torah non ha più nessun valore, anche se essi non negano che fu data da Dio come credono i cristiani e i turchi. Tutti costoro negano la Legge dalla Torah."




III. I CRISTIANI DEVONO ESSERE UCCISI PERCHE' SONO

TIRANNI

Nello Zohar (I,25a) si legge:

"I Popoli della Terra sono idolatri, e su di loro è stato scritto: Che siano spazzati via dalla faccia della terra: Distruggete la memoria degli Amalechiti. Essi sono ancora con noi in questa Quarta Cattività, cioè, i Principi (di Roma) .... che, in realtà, sono amalechiti."

1. QUESTI PRINCIPI DEVONO ESSERE UCCISI PER PRIMI

Perchè se viene loro permesso di vivere, la speranza della liberazione degli ebrei è vana, e le loro preghiere di libe razione da questa Quarta Cattività saranno inefficaci. Nello Zohar (I,219b) si legge:

"E' certo che la nostra cattività durerà fino a quando i principi dei gentili che adorano gli idoli non saranno distrutti."

E ancora nello Zohar (II,19a) si legge:

"Il rabbino Jehuda ha detto: Venite a vedere come stanno le cose; come i principi hanno assunto potere sopra Israele e gli israeliti non protestano. Ma, quando cade il principe, la loro contentezza si fa sentire. Sta scritto che: il Re degli Egiziani morì e subito i figli d'Israele furono liberati dalla cattività; essi lanciarono grida e la loro voce salì a Dio."

2. IL PRINCIPATO CHE HA PER CAPITALE ROMA E' QUELLO CHE

GLI EBREI DEVONO ODIARE PIU' DI TUTTI

Lo chiamano il Regno di Esaù e degli Edomiti, il Regno dell'Orgoglio, il Regno del Male, Empia Roma. L'impero Turco viene chiamato il Regno degli Ismaeliti, che essi non desiderano distruggere. Il Regno di Roma, comunque, deve essere sterminato, perchè quando la corrotta Roma sarà distrutta, la salvezza e la libertà verranno al Popolo Eletto di Dio."




R. David Kimchi scribit diserte in Obadiam29:




Quidquid dixerunt Prophetae de vastatione Edom in ultims diebus, id de Roma intellexerunt, ut explicavi in Iesaia in versu "Accedite gentes ad audiendum"3). Etenim, quando vastabitur Roma, erit redemptio Israelitarum.




Il rabbino David Kimchi scrive come segue nell'Obadiam:

"Ciò che i Profeti predissero sulla distruzione di Edom negli ultimi giorni lo riferivano a Roma, come spiega Isaia (ch.34,1): Avvicinatevi, o nazioni, ed ascoltate... Quando Roma sarà distrutta, Israele sarà redenta."

Anche il rabbino Abraham dice la stessa cosa nel suo libro Tseror Hammor, sezione Schoftim:

"Non appena Roma sarà stata distrutta, noi saremo redenti."




IV. INFINE, TUTTI I CRISTIANI, INCLUSI I MIGLIORI FRA DI

LORO, DEVONO ESSERE UCCISI.




-113-




Abhodah Zarah 26b. Tosephoth:

Optimus inter Goim occidi meretur.




Multoties haec phrasis repetita occurrit in diversis libris Iudaeorum, licet non iisdem verbis. V.g.: R. Sal. Iarch in Exodi cap.XIV, v. 7 editionis Amstelodamiensis1) dicit:




Nell' Abhodah Zarah (26b, Tosephoth) si legge:

"Anche il migliore dei Goim dovrebbe essere ucciso"

Lo Shulchan Arukh, dopo le parole dello Iore Dea (158,1) che dicono che coloro fra gli Akum che non fanno del male agli ebrei non devono esser uccisi, cioè coloro che non fanno guerra ad Israele, così spiega la parola Milchamah - guerra:

"Ma in tempo di guerra gli Akum devono essere uccisi in quanto sta scritto: 'I buoni fra gli Akum meritano di essere uccisi, ecc."

*****

V. L'EBREO CHE UCCIDE UN CRISTIANO NON COMMETTE PECCATO,

MA OFFRE UN SACRIFICIO ACCETTO A DIO

V. Iudaeus occidens Christianum non peccat, sed offerre dicitur Deo acceptabile sacrificium.

Sepher Or Israel 177b3):

Dele vitam Kiphoth et occide ea; gratus enim eris Divinae Maiestati sicut ille, qui offert oblatum incensi.




Nello Sepher Or Israel (177b) si legge:

"Togli la vita ai Kliphoth e uccidili, e piacerai a Dio come uno che Gli offre incenso."




E nello Ialkut Simoni (245c. n.772) si legge:

"Colui che sparge il sangue degli empi è tanto accetto a Dio quanto colui che offre un sacrificio a Dio."

VI. DOPO LA DISTRUZIONE DEL TEMPIO A GERUSALEMME, L'UNICO

SACRIFICIO NECESSARIO E' LO STERMINIO DEI CRISTIANI

Nello Zohar (III,227b) Il Buon Pastore dice:

"Il solo sacrificio necessario è che togliamo l'immondo di mezzo a noi."




Lo Zohar (II,43a), spiegando il precetto di Mosè sulla redenzione del primogenito di un asino che si ottiene con l'offerta di un agnello, dice:

"L'asino sta per il non ebreo, che deve essere redento con l'offerta di un agnello, che è il gregge disperso di Israele. Ma se egli rifiuta di essere redento, allora gli si rompa il cranio... Essi dovrebbero essere cancellati dal libro dei viventi, in quanto su di loro è detto: Colui che pecca contro di me, io lo toglierò dal libro della vita."

VII. COLORO CHE UCCIDONO I CRISTIANI AVRANNO UN POSTO

ELEVATO IN CIELO

Nello Zohar (1,38b, e 39a) si legge:

"Nei palazzi del quarto cielo si trovano coloro che emisero lamenti su Sion e Gerusalemme, e tutti coloro che distrussero le nazioni idolatre... e coloro che uccisero gente che adorava gli idoli sono vestiti con vesti di porpora in maniera che possano essere riconosciuti e onorati."

VIII. GLI EBREI NON DEVONO MAI CESSARE DI STERMINARE I

GOIM; NON DEVONO MAI LASCIARLI IN PACE E NON DEVONO

MAI SOTTOMETTERSI A LORO.

Nello Hilkhoth Akum (X,1) si legge:

"Non mangiate con gli idolatri, non permettete loro di adorare i loro idoli; è infatti scritto: Non stabilite contratti con loro, non mostrate loro misericordia (Deuter. cap. 7, 2). O li distogliete dai loro idoli o li uccidete."




Ibidem (X,7):

"Non si dovrà permettere a nessun idolatro di rimanere nei luoghi dove gli ebrei sono forti..."

IX. TUTTI GLI EBREI SONO OBBLIGATI AD UNIRSI INSIEME PER

DISTRUGGERE I TRADITORI CHE SONO IN MEZZO A LORO

Nel Choshen Hammischpat (338,16) si legge:

"Tutti gli abitanti della città sono obbligati a contribuire alla spesa dell'uccisione di un traditore, anche coloro che devono pagare altre tasse."

X. NESSUNA FESTA, NON IMPORTA QUANTO SOLENNE, PUO'

IMPEDIRE LA DECAPITAZIONE DI UN CRISTIANO

Nel Pesachim (49b) si legge:

"Il rabbino Eliezer disse: E' permesso tagliare la testa di un 'idiota' (uno degli abitanti della terra) nella festa della Riconciliazione quando cade in giorno di Sabato. I suoi discepoli gli dissero: rabbino, dovresti piuttosto dire sacrificare. Ma egli rispose: Niente affatto, è infatti necessario pregare mentre si sacrifica, e non c'è bisogno di pregare quando si decapita qualcuno."

XI. IL SOLO SCOPO DI TUTTE LE AZIONI E PREGHIERE DEGLI

EBREI DEVE ESSERE QUELLO DI DISTRUGGERE LA RELIGIONE

CRISTIANA

Gli ebrei dipingono il Messia e Liberatore che aspettano come un persecutore che infliggerà grandi calamità ai non giudei. Il Talmud elenca tre grandi mali che colpiranno il mondo quando il Messia verrà. Nello Schabbath (118a) si legge:

"Chiunque mangia tre pasti di Sabato sarà salvato dai tre mali: dalle punizioni del Messia, dalle pene dell'inferno e dalla guerra di Magog; infatti sta scritto: Ecco, Io vi manderò Elia il Profeta prima che venga il 'Giorno' del Signore, ecc."

XII. NELLE LORO PREGHIERE GLI EBREI SOSPIRANO LA

VENUTA DEL MESSIA VENDICATORE, SPECIALMENTE NELLA

VIGILIA DELLA PASQUA (EBRAICA):




"Scarica la tua ira sulle nazioni che non ti conoscono, e sui regni che non invocano il tuo nome; Scarica la tua indignazione su di loro e che la tua ira di vendetta li prenda; Perseguitali e distruggili con ira da sotto i cieli del Signore."

Essi pregano anche come segue:

"Per quanto tempo rimarrà la tua forza prigioniera e per quanto tempo giacerà la tua bellezza sotto la mano dell'oppressore? O Dio! Mostra la tua forza e il tuo zelo contro i nostri nemici; spezza la loro forza e confondili..."

E ancora:

"Recidi la speranza dell'ingiusto; fa che tutti gli eretici periscano immediatamente; sradica, spezza, e distruggi il Regno Orgoglioso; affrettati a rendere tutti i popoli soggetti nei nostri giorni."

*****

Esattamente allo stesso tempo, il Venerdì Santo, quel "Prinicipe dell'Impero Orgoglioso" di Roma, il Papa, prega e ordina a tutti in tutto il mondo di pregare per tutti gli "eretici" e coloro che sono "persi" come segue:

"Preghiamo per i perfidi giudei: che il Signore nostro Dio possa togliere il velo dai loro cuori, che possano riconoscere Gesù Cristo nostro Signore.

"Dio Onnipotente ed Eterno, che non escludi nemmeno gli ebrei dalla tua misericordia: ascolta le nostre preghiere che offriamo per la cecità di quel popolo che, riconosciuta la luce della tua verità, che è Cristo, possa uscire dalle sue tenebre, Per Gesù Cristo nostro Signore..."




COME SON BELLI I TUOI PADIGLIONI, O GIACOBBE,

E LE TUE TENDE, O ISRAELE!

(Num.24,5)




EPILOGO




Al gentile lettore:




In questo lavoro, ho citato passi di pochissimi fra i libri talmudici che fanno riferimento ai cristiani. Per amore di brevità e per risparmiare il cuore sensibile del lettore, ne ho omesso molti altri che avrebbero potuto essere inclusi. Questi testi che ho citato, comunque, dovrebbero essere sufficienti per dimostrare quanto false siano le affermazioni degli ebrei quando sostengono che non c'è niente nel Talmud che insegni l'odio e l'inimicizia verso i cristiani.

Se lo studio delle orribili bestemmie di questo libro dovesse risultare rivoltante per il lettore, che egli non me ne voglia. Non ho detto, all'inizio, che avrei narrato qualcosa di piacevole, ma solamente che avrei dimostrato ciò che veramente il Talmud insegna sui cristiani, e non credo che avrei potuto farlo in maniera più appropriata.

Mi rendo conto, comunque, che, dato che la verità non piace a tutti, molti mi diverranno nemici per aver in tal modo testimoniato la verità. Ciò mi è stato ricordato sia dalle leggi del Talmud stesso che minaccia di morte i "traditori", e ancor più, dagli avvertimenti di coloro che hanno avuto esperienza delle azioni che gli ebrei intraprendono contro coloro che rendono note cose a loro sfavorevoli. Hanno tutti predetto che perirò per mano degli ebrei. Cercando di dissuadermi dal continuare il mio lavoro, alcuni mi hanno pregato di ricordare la sorte del Professor Charini, che fu ucciso all'improvviso dopo aver incominciato a tradurre il Talmud in lingua vernacolare. Altri mi hanno ricordato la sorte del monaco Didacus di Vilna, un convertito dal giudaismo che fu crudelmente assassinato; altri mi hanno ricordato di coloro che erano stati perseguitati per aver rivelato segreti della religione ebraica. Altri ancora, mi hanno messo in guardia contro i pericoli in cui sarebbero incorsi i miei cari. "Wszak ciebie wydzi zabij"* mi si ripeteva centinaia di volte.

Il libro che tu ora tieni in mano è la miglior prova che non ho dato retta agli avvertimenti dei miei amici. Ho considerato indegno di me stesso rimanere in silenzio solo per amore della mia sicurezza personale, mentre il conflitto imperversa fra i due campi dei "Semiti" e degli "Antisemiti," entrambi dei quali sostengono di combattere per la verità, mentre io so che la verità completa non si trova in nessuno dei due campi.

Ma qualsiasi cosa mi succeda a causa di ciò che ho fatto, sarò lieto di sopportarla. Sono disposto a offrire la mia vita -




CHE IO POSSA TESTIMONIARE LA VERITA' (Gio. 18,37)




I.B. Pranaitis




*****




*"Ma gli ebrei ti uccideranno" - Traduzione polacca -




(Circa il contenuto dell'Epilogo, è tristemente significativo ricordare che Padre Pranaitis trovò in effetti la morte come previsto per mano dei suoi nemici durante la rivoluzione bolscevica - n.d.r.)




*****




E' evidente che queste affermazioni che noi abbiamo potuto leggere giustificano, contro gli autori di tali blasfemie contro Cristo, dunque contro questi ebrei che hanno fatto tali affermazioni anti cristiane , le parole di Cristo: "voi avete per padre il diavolo".




Carlo Maria di Pietro (WebMaster e Promoter della M.S.M.A.)




Cohen

Forumista







Registraz: 22 Oct 2010

Messaggi: 465

Potere: 0

Trend: Cohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really niceCohen is just really nice

Reputs: Cohen is just really niceCohen is just really nice



Predefinito Rif: Importante rabbino dice che i non-Ebrei sono asini, creati per servire gli Ebrei

IL RAZZISMO EBRAICO

attraverso frasi tratte dal Talmud e dalla Qabbalah







Per molto tempo abbiamo sentito parlare del razzismo bianco con tutte le buone chiacchiere dei moralisti ma mai si è parlato del razzismo che metodicamente gli ebrei adoperano nella loro vita.

Questo razzismo di origine ancestrale è evidenziabile in uno dei loro testi sacri, il “Talmud”.

Tale documento è normalmente insegnato nelle scuole ebraiche e descritto come raccolta poetica da numerosi rabbini. Di seguito pubblichiamo numerose affermazioni rintracciabili in questo libro e nella Qabbalah.

Consigliamo ai lettori un attenta analisi delle singole frasi riportate e un osservazione di come oggi siano puntualmente seguite con ortodossia religiosa.







-Il più santo così parlò agli Israeliti: "Voi mi avete riconosciuto come l'unico padrone del mondo, e per questa ragione, vi riconoscerò come unici padroni del mondo".

Chaniga, 3a, 3b.







-Dovunque gli Ebrei vadano, devono farsi capi dei loro Signori.

Sanhedrln, 19.







-Dio ha dato ai Giudei potere sui possedimenti e il sangue di tutte le nazioni.

Seph. Jp., 92, 1.







-Riguardo le pretese dei Gentili sui diritti di proprietà, i loro possedimenti sono ~ come terra non riscossa nel deserto ~

Baba Bathra, 54b.







-Per quanto riguarda i furti - se uno rubasse, rapinasse, rapisse una bella donna, o commettesse torti simili, se questi fossero perpetrati da un Gentile ad un altro, il torto in questione deve essere punito, allo stesso modo se fosse perpetrato ai danni di un Israelita, invece il furto da parte di un Israelita ai danni di un Gentile, può essere perdonato.

Sanhedrin, 57a.







-E' sempre un gesto meritevole impossessarsi di un bene appartenente a un Gentile.

Schuichan Aruch.







-Quando un Giudeo ha un Gentile tra le sue grinfie, un altro Giudeo può andare dallo stesso Gentile, prestargli dei soldi e a sua volta raggirarlo, così che il Gentile finisca rovinato. La proprietà di un Gentile, secondo la nostra legge, non appartiene a nessuno, e "il primo Giudeo che passa", ha pieno diritto di impossessarsene.

Schuichan Aruch, Choachem

Hamischpath, 156.







-Non è permesso derubare un fratello, ma è permesso derubare un "non-Ebreo", poichè è scritto (Levitico XIX, 13) "Tu non dovrai derubare il tuo fratello (lett.il tuo vicino)". Ma queste parole, dette da Jeovah, non valgono per un Goim, che non è tuo fratello.

Baba Mezia, 61a.




-Un Giudeo può mentire e spergiurare per condannare un Cristiano. Il nome di Dio non è profanato quando si mente ai Cristiani.

Baba Kama, 113a, 113b.







-E' un grande peccato fare un regalo ad un Gentile. Ma è permissibile fare l'elemosina ai Gentili poveri, visitare i loro malati, dare gli ultimi onori ai loro morti e consolare i loro parenti, per mantenere la pace, e per far credere ai Gentili che i Giudei sono loro buoni amici, poichè danno loro conforto.

Aboda Zarah, page 20







-Una cosa persa da un Goim, non solo dev'essere tenuta dall'uomo che la trova, ma è anche proibito restituirgliela.

Schulchan Aruch, Choschen, Hamischpath, 266, 1.




-I giudei devono sempre provare a raggirare i Cristiani.

Zohar 1 160a.







-Coloro che fanno bene ai Cristiani non risorgeranno mai dalla morte.

Zohar 1 25b.







-Nel periodo del Choihamoed la trattazione di qualsiasi affare è proibita. Ma è permesso praticare l'usura sui Gentili, poichè la pratica dell'usura sul Gentile piace sempre al Signore.

Schulchan Aruch, Orach Chaim, 539.







-Nel caso di una malattia mortale un Giudeo è autorizzato a consumare qualcosa di immondo (cioè qualcosa che egli è obbligato per legge a considerare come immonda, e che toccare [usare, mangiare] in altre circostanze è severamente vietato) nel caso in cui egli ritiene che essa può assistere il suo recupero. Ma anche in questo caso non è consentito fare uso di qualcosa che appartiene alla cosa più sporca di tutte, vale a dire, la Chiesa cristiana.

Schulchan Aruch, Johre Deah, 155.







-E' una buona azione per ogni Giudeo distruggere e bruciare le chiese non-Giudee e qualsiasi cosa appartenga loro o è fatto da loro ~, e gettare le ceneri ai quattro venti o nell'acqua. Inoltre, è dovere di ogni Giudeo cercare di sradicare ogni chiesa non-Giudea e maledirne il nome (lett. darle un nome maledetto)

Schulchan Aruch,Johre Deah, 143.







-I Giudei sono esseri umani; le altre persone del mondo non sono esseri umani, ma bestie.

Baba Mezia.







-Nonostante le persone del mondo somiglino esteriormente ai Giudei, loro sono in effetti solo come scimmie paragonate agli uomini.

Schene Lucohoth Ha'berith.




-Le anime delle persone non-Giudee vengono dal Diavolo e sono anime come quelle che hanno gli animali e il bestiame. Il seme dello straniero (si riferisce ai figli) è anch'esso seme di bestia (figlio di bestia).

Schefla Tal. 4.2, Memachem,page 53, F. 221.




-Le case di Goym sono le case degli animali.

Leb. Tob,., 46. 1.







-I matrimoni tra Gentili non sono dei veri legami: la loro coabitazione è come tenere cavalli in coppia, pertanto i loro figli non sono umanamente legati ai loro genitori.

Schulchan Aruch







-Il seme (figlio) del Cristiano non vale più di quello di una bestia.

Kethuboth 3b.







-Tutte le donne non-ebree sono prostitute.

Eben Haezar.







-Un uomo può fare con la sua moglie ciò che più lo appaga, come se lei fosse un pezzo di carne che viene dal macellaio, che lui può mangiare secondo il suo capriccio, salata, arrostita, bollita o come un pesce comprato al mercato.

Nedarim 20b.







-Quando uno scopre che appetiti malvagi stanno impossessandosi dei suoi sensi, bisogna lasciarlo sfogare in un posto dove non è conosciuto, dove si vestirà di nero e potrà seguire gli impulsi del suo cuore.

Mo'ed Katan 17a.







-Ad un giudeo è permesso stuprare, truffare, e spergiurare; ma deve curarsi di non farsi scoprire, così che Israele possa non soffrire.

Schulchan Aruch,

Johre Deah.







-Un Giudeo può violentare, ma non sposare una non-Ebrea

Gad. Shas. 2,2.







-Una ragazza Gentile dall'età di tre anni può essere violentata.

Aboda Shara 37a.







-Se un Giudeo violenta una ragazza non-Giudea, e un altro Giudeo che lo vede è chiamato a testimoniare, quel Giudeo deve, senza esitazione, mentire.

Johre Deah.







-Mosè disse: "Tu non dovrai bramare la moglie del tuo vicino e colui che commette adulterio incapperà nella pena di morte." Questo vale solo per gli adulteri commessi da, o tra, Giudei. La moglie di un Gentile è esclusa.

Sanhedrin.




-Non salvare un Cristiano in pericolo di morte.

Hikkoth Akum X 1.







-Lo sterminio dei Cristiani, è un sacrificio necessario.

Zohar II 43a.







-Le nascite tra i Cristiani devono essere materialmente diminuite.

Zohar II 64b.







-Se un Goym uccide un Goym o un giudeo, è responsabile; ma se un giudeo uccide un Goym, non lo è.

Tosefta, Aboda Zara 8:5.




-Ogni straniero (Non-ebreo) che onora la Domenica, dev'essere ucciso senza esitazione.

Sanhedrin.







-Anche il migliore tra i Gentili merita di essere ucciso.

Abodan Zarah 26b.







-Il migliore tra i Cristiani dev'essere strangolato.

Rasoni, Exodus 14.







-E' permesso uccidere un denunciatario degli Ebrei dappertutto, E' permesso farlo anche prima che abbia denunciato.

Schulchan Aruch, Choschen

Hamischpath, 338.







-Chi versa il sangue dei Goym (chi uccide i Goym), offre un sacrificio a Dio.

Talmud, Jalqut Simeoni.







-Se un pagano colpisce un Giudeo, merita di morire.

Sanhedrin. 58b.







-Un pagano che studia la Torah merita di morire.

Sanhedrin 59a.







-Ogni Goym che studia il Talmud, e ogni giudeo che lo aiuta in questo, dovrebbe morire.

Sanhedrin 59a.







-E' vietato introdurre un non-ebreo ai segreti della legge. L'ebreo che fa questo è colpevole, come se avesse devastato il mondo e negato il sacro nome di Dio.

Jalkut Chadash.







-I proseliti sono pericolosi per il Giudaismo, come le ulcere lo sono per un corpo sano.

Talmud.







-Una moglie mezza-ebrea è costretta ad aiutare una madre Ebrea anche il Sabato e anche quando farlo comporterebbe la dissacrazione del Sabato. Ma è vietato aiutare una donna non-ebrea anche se fosse possibile aiutarla senza dissacrare il sabato, poichè ella è considerata solo un animale.

Schulchan Aruch,

Orach Chalm, 330.







-Ad una balia ebrea è proibito allattare il figlio di un Gentile, anche se fosse pagata per fare ciò, poichè facendolo, aiuterebbe la crescita di un Gentile. Solo nel caso in cui lei provi dolore per l'eccesso di latte e tale latte possa divenire pericoloso per lei è permesso fare ciò. All'ebreo è anche proibito insegnare ad un Gentile un lavoro col quale egli possa mantenersi.

Schulchan Aruch,

Johre Deab, 154.







-Un animale che è stato macellato da un Gentile o da un ebreo convertito, dev'essere considerato come un animale malato.

Schulchan Aruch,

Johre Deah, 15.







-E' proibito per un Giudeo bere da un bicchiere di vino che è stato toccato da un Gentile, poichè il tocco ha reso il vino sporco.

Schulchan Aruch,

Jobre Deah, 122.




-I giudei sono stati creati per essere serviti dai non-giudei. Questi ultimi devono arare, seminare, diserbare, scavare, mietere, legare, setacciare e macinare. Gli ebrei sono stati creati per trovare tutto ciò già pronto.

Berachoth.







-Il lavoro è dannoso e frutta poco.

Gittin 68a







-Insegna a tuo figlio un lavoro facile, nel tentativo con ciò di acquisire proprietà e ricchezze.

Quid Dusen 89a.

-Non c'è lavoro peggiore che quello dell'agricoltore.

Jebamoth.







-Una vergine di tre anni ed un giorno può essere ottenuta in matrimonio dopo un atto sessuale.

Sanhedrin 55b.







-Se un uomo adulto ha un rapporto sessuale con una bambina, non è un problema, in quanto se la bambina ha meno di tre anni, è come se uno mettesse il dito nell'occhio di un altro - le lacrime scendono dagli occhi di nuovo e di nuovo, allo stesso modo la verginità ritorna alla bambina sotto i tre anni. quando un ragazzino ha un rapporto sessuale con una donna adulta, la rende come "una ragazza che è ferita da un pezzo di legno".

Kethuboth 11b







-Una donna è andata da Rabbi Hisda confessandogli che il peccato più leggero che commise fu che il suo figlio più giovane lo ha fatto col suo figlio più grande. Da lì, quello fu il peccato più leggero che le fu perdonato. (forse vuol dire che ne commise di peggiori?)

Abodah Zarah 17a.







-Una donna che ha avuto un rapporto sessuale con una bestia (es. un cane) è idonea a sposare un prete.

Yebamoth 59b.







-Colui che colpisce suo padre o sua madre è responsabile solo se li ferisce. Rispetto a ciò maledire è più grave che colpire, per cui, colui che maledice i suoi genitori dopo la morte è responsabile, mentre colui che li colpisce dopo la morte, non lo è.

Sanhedrin 85b.







-Israele è come la signora della casa alla quale il marito porta i soldi. Per cui Israele è senza il fardello del lavoro e riceve i soldi da tutte le persone del mondo.

Jalkut Schlm., 75, 2.




-Qual è il significato del "Bar Sinai", che è, il Monte Sinai? Rappresenta la montagna dal quale si origina Sina, ovvero "l'odio verso tutte le persone del mondo".

Schabbath 89.







-E colui che desidera che nessuna delle sue promesse fatte durante l'anno sia più valida, deve dichiarare all'inizio dell'anno "Ogni promessa che potrò fare in futuro sarà nulla". Le sue promesse sono ora non valide.

Nedarim 23b.










"Quando un ebreo ha un Gentile nelle sue mani, un altro ebreo può andare dallo stesso Gentile, prestargli denaro e truffarlo in sua vece, così da rovinare il Gentile.

Poichè la proprietà di un Gentile, secondo la nostra legge, non appartiene a nessuno, e il primo ebreo che passa ha pieno diritto di prendersela.

(Schuican Amen, Choschem Hamischpath, 156)."




"Non è permesso derubare un fratello, ma è permesso derubare un non ebreo, poichè sta scritto (Levitico XDC, 13) "Non deruberai il tuo vicino".

Ma queste parole, dette da Jahvè, non si applicano a un Goy che non è tuo fratello.

(BabaMezia, 6 la)"




"Un ebreo può mentire e spergiurare per condannare un cristiano.

Il nome di Dio non è profanato quando si mente ai cristiani.

(BabaKama, 113a, 113b)"




"Una cosa perduta da un Goy può non solo essere tenuta dall'uomo che l'ha trovata,

ma è anche proibito ridargliela indietro.

(Schuican Aruch, Choschen Hamischpath, 266, I)"




"Gli ebrei devono sempre cercare di imbrogliare i cristiani.

(Zohar I 160a)"




"Quelli che fanno del bene ai cristiani non risorgeranno mai dai morti.

(Zohar I 25b)"




"Al tempo del Cholhamoed il disbrigo di ogni tipo di affare è proibito.

Ma è permesso praticare l'usura sui Gentili,

perchè la pratica dell'usura su un Gentile in ogni momento piace al Signore.

(Schuican Amch, Orach Chailìi, 539)"




"I rapporti sessuali con un bambino al di sotto degli 8 anni d'età sono leciti.

(Talmud, Sanhedrin, 69b)"




"Quando un non ebreo deruba un ebreo, deve restituirgli tutto,

ma se avviene il contrario, l'ebreo non deve restituire nulla.

Inoltre, se un non ebreo uccide un ebreo, deve essere ucciso anche lui,

ma non il contrario.

(Talmud, Sanhedrin, 57a)."




"Gesù nacque bastardo.

(Talmud, Yebamoth, 49b)"




"Gesù fu punito e mandato all'inferno dove fu gettato in escrementi ribollenti."

(Talmud, Gittin, 56b, 57a)."




"Tutti i Gentili sono solo degli animali,

quindi tutti i loro bambini sono bastardi.

(Talmud, Yebamoth, 98a)"




"E' giusto per una bambina di tre anni avere rapporti sessuali.

(Talmud, Abodah Zarah, 37a, Kethuboth, 11b, 39a, Sanhedrin, 55b, 69a,b, Yebamoth,

12a, 57b, 58a, 60b)."




"E' giusto divorziare dalla propria moglie se rovina il cibo,

o se si trova una donna più bella.

(Talmud, Gittin, 91a)"




"Dalla nascita, l'israelita deve cercare di svellere gli sterpi della vigna,

cioè sradicare ed estirpare i goyim dalla terra,

poichè non può essere data a Dio Benedetto

maggior letizia che quella di adoprarci a sterminare gli empi

e i cristiani del mondo.

(Talmud, Sefer Israel, 180)"




"Quando un ebreo ha un Gentile nelle sue mani,

un altro ebreo può andare dallo stesso Gentile,

prestargli denaro e truffarlo in sua vece,

così da rovinare il Gentile.

Poichè la proprietà di un Gentile,

secondo la nostra legge, non appartiene a nessuno,

e il primo ebreo che passa ha pieno diritto di prendersela.

(Talmud, Schuican Amen, Choschem Hamischpath, 156)"




"Il rabbino Jochanan dice:

Un goi che ficca il naso nella Legge è¨ colpevole di morte.

(Talmud, Sanhedrin, 59a)"




"Il nome di Dio non è profanato quando,

per esempio, un ebreo mente ad un goi dicendo:

Io ho dato qualcosa a tuo padre, ma egli è morto;

tu me lo devi restituire,

purchè il goi non sappia che tu stai mentendo.

(Talmud, Babha Kama, 113b)"




"Al tempo del Cholhamoed il disbrigo di ogni tipo di affare è proibito.

Ma è permesso praticare l'usura sui Gentili,

perchè la pratica dell'usura su un Gentile in ogni momento piace al Signore.

(Talmud, Schuican Amch, Orach Chailìi, 539 )"




"Anche il migliore dei Goyim dovrebbe essere ucciso.

(Talmud, Abhodah Zarah, 26b, Tosephoth)"




"Il rabbino Eliezer disse:

E' permesso tagliare la testa di un 'idiota' [uno degli abitanti della terra]

nella festa della Riconciliazione quando cade in giorno di Sabato.

I suoi discepoli gli dissero:

rabbino, dovresti piuttosto dire sacrificare.

Ma egli rispose:

Niente affatto, è infatti necessario pregare mentre si sacrifica,

e non c'è bisogno di pregare quando si decapita qualcuno.

(Talmud, Pesachim, 49b)"




"Gli Akum che non sono nostri nemici non devono essere uccisi direttamente,

cioè non ostante essi non dovranno essere salvati dal pericolo di morte.

Per esempio, se vedete uno di essi cadere in mare,

non tiratelo su a meno che egli non vi prometta del denaro.

(Talmud, Iore Dea, 158,1)"




"Quando un uomo compie rapporti omosessuali con un bambino al di sotto dei 9 anni d'età,

non è da condannare.

(Talmud, Sanhedrin, 54b, 55a)"




"Voi israeliti siete chiamati uomini, mentre le nazioni del mondo non sono da chiamarsi uomini, ma bestiame"

(Talmùd, trattato Baba Mezia fol. 114 col. 2)




"La progenie di uno straniero (cioe' di un non ebreo) e' come progenie di animali"

(Jebamoth fol. 94 col.2)




"Che significa Har Sinai, cioe' monte Sinai? Vuol dire il monte dal quale si e' irradiato Sina, cioe' l'odio contro i popoli del mondo"

(Schabbat , fol. 80 col. 1)




"Dovunque gli ebrei arrivano devono farsi sovrani dei loro signori"

(Sanhedrin , fol. 19 col. 2)




"Il Messia dara' agli ebrei il dominio del mondo, al quale serviranno e saranno sottoposti tutti i popoli"

(Tal. Bat. Trattato Schabb, fol. 120 c. 1 ; Sanhedrin, fol. 88 c. 2)




"Il migliore tra i non ebrei, uccidilo"

(Aboda Zara, 26b Tosephoth)




"Che cos'e' una prostituta? Ogni donna che non sia ebrea"

(Eben ha eser, 6, 8)




"Un goi che studi il Talmud e un ebreo che lo aiuti in tale studio debbono essere messi a morte"

(Sanhedrin f. 57 Aboda Zara f. 6-8 Szagica f. 13)




"Voi israeliti siete chiamati uomini, mentre le nazioni del mondo non sono da chiamarsi uomini, ma bestiame"

(Talmùd, trattato Baba Mezia fol. 114 col. 2)




"La progenie di uno straniero (cioe' di un non ebreo) e' come progenie di animali"

(Jebamoth fol. 94 col.2)




"Che significa Har Sinai, cioe' monte Sinai? Vuol dire il monte dal quale si e' irradiato Sina, cioe' l'odio contro i popoli del mondo"

(Schabbat , fol. 80 col. 1)




"Dovunque gli ebrei arrivano devono farsi sovrani dei loro signori"

(Sanhedrin , fol. 19 col. 2)




"Il Messia dara' agli ebrei il dominio del mondo, al quale serviranno e saranno sottoposti tutti i popoli"

(Tal. Bat. Trattato Schabb, fol. 120 c. 1 ; Sanhedrin, fol. 88 c. 2)




"Il migliore tra i non ebrei, uccidilo"

(Aboda Zara, 26b Tosephoth)




"Che cos'e' una prostituta? Ogni donna che non sia ebrea"

(Eben ha eser, 6, 8)




"Un goim che studi il Talmud e un ebreo che lo aiuti in tale studio debbono essere messi a morte"

(Sanhedrin f. 57 Aboda Zara f. 6-8 Szagica f. 13)

  How does a man kill ‘in God’s name’? asks former UK Chief Rabbi Jonathan Sacks


Published: July 8, 2015 by Ronald Boyd-MacMillan  

Ten years on from the 7/7 London bombings, in which 52 people were killed and hundreds were injured ...

Boko Haram victim ‘left for dead’ in 2012 loses sister and her two children in church bomb


Published: July 7, 2015 by Illia Djadi  

The sister of a man whose miraculous survival from a shot in the head by Boko Haram took him to ...

Police rescue Pakistani Christian from ‘mob justice’ over blasphemy


Published: July 3, 2015 by Asif Aqeel A Christian father of four was beaten, had his head shaved, his face blackened, and was dragged ...



UPDATE S Sudan pastors will face trial, judge rules


Published: July 2, 2015

Egyptian solider, the only Christian in his unit, found dead


Published: July 1, 2015

Modi’s UN Yoga Day latest example of co-incidence with Christian ‘high days and holidays’


Published: June 29, 2015

Case of the disappearing Christian CDs: 7 years on, Malaysian court orders their return


Published: June 24, 2015

Egyptian convert still in jail having served his time


Published: June 22, 2015

Coptic boys on bail, anti-Islam charges pending


Published: June 18, 2015









Synagogue of Satan Jewish Ritual Murder MASSONERIA talmud kabbalah 2_24







Caricamento in corso...




Questo video è pubblico.


17 visualizzazioni




Caricato da WakeUpUSAxRonPaul in data 02/dic/2011


@ ComunitaEbraicaRoma, 2628342 - somewhere? there is ARK OF THE COVENANT there is: the splendor of majesty, the beauty of the glory: Holy, Holy, Holy ... she calls me constantly; she looks for me; through: I perceive ultrasound, in particular: in the right lobe of my brain .. this utra-sounds have of the these breaks: and then, the peak intensity in relation to the publication of my articles: In no way are annoying [rebellion of Korah's cousin Aaron. The earth opened and swallowed: Numbers 16:25-35: Core of the tribe of Levi, and Dathan and Abiram, of the tribe of Reuben. Since, they had collected 250: other rebels to challenge the authority of Moses. Moses cried unto the Lord and immediately: indeed, for the condemnation: of the Core, Abiram: their families, tents and animals: all sank underground, to go down alive into hell. Also: A fire from heaven has consumed: the other 250 rebels that men who: were offering the incense. Nevertheless: the people remained: always: stubbornly rebellious. So the Lord said to Moses, he would instantly consumed the whole community. and in fact: despite the atoning act committed by Aaron, were shot dead by an angel: other: 14,700 people. [Moses cried to the Lord's Judgement] I know the hardness of your heart and all your wickedness! That I know, you will not came to me: spontaneously: if first: before the Lord God has not stretched out His hand: Against you! Because: you are the servants of: 666 Rothschild of the synagogue of Satan, the Illuminat kakam: Murderers: and ye know not the ways of the Lord, that's him: has driven you: away from him! .. If You Knew the ways of God? Would you have not made ​​of yourself (like everyone else) "accomplices of the banking seigniorage: debt public: fractional reserve, talmud ecc.. ! However, without your complicity? this Masonic and banking system: the IMF, would never have set-up: as, His true strength: even today: is in The Jewish religion now Completely altered: for the Talmud and Kabbalah! 's why it was possible to kill: also: Jesus of Bethlehem .. but, for this just an ignorant person to you Could give the guilt: why, as the Lamb of God he is came for the redemption as of All. [Unius Rei: calls: Judgement of YHWH against the Jews: lit] [Exodus 22] Crimes and compensation: [1] If a thief is caught while doing a breakthrough: in a wall is hit and dies, there is no revenge of blood. [3] If it is still alive: and in his possession: what has been stolen, whether it be ox, or ass, or sheep, shall pay double. You are the predators of the bank seigniorage: you are the principal accomplices of all this hatred against the Christian peoples: that you have started: against christian: an unstoppable cultural decline: They are the enlightened Kakam: who spread: atheism: evolution: satanism: communism : sexual perversion: Freemasonry: etc. .. I condemn you all for this in the presence of the Lord my God: YHWH!==== 1. il sangue cristiano.pdf ==== 2. Grande rabbino Neofito - Il sangue cristiano nei riti erraci della moderna Sinagona.pdf ==== 3. Talmud e cristiani - Pranaitis.pdf ============= @poopmcgee555 -- Of The "darkness" you can never get used in to the depths of hell! and if Ron Paul will walk with my Holy Spirit? he will be President!

0 Mi piace, 0 Non mi piace




Tutti i commenti (0)





Rispondi a questo video...

14:45David Icke on the Synagogue of Satandi SEK41101362 visualizzazioni
10:00This is how they plan to KILL usdi psychopathy3345335 visualizzazioni
9:57Louis Farrakhan Speaks On BET About Satanic Zio...di freegazaarabs1776 visualizzazioni
9:18Ted Gunderson - The Satanic Undergrounddi psychopathy333270 visualizzazioni
4:18RITUAL HUMAN SACRIFICEdi makestr8thepath362 visualizzazioni
10:48BEWARE Truth Seekers - ESCAPE The Beast Systemdi openallstations995 visualizzazioni
15:04CIA, Illuminati, Corruption & Satanic Ritual Mu...di openallstations1008 visualizzazioni
10:47The Big Picture 07/09 - Time To Wake Updi LightTheDarknessLord118 visualizzazioni
15:21CIA, Illuminati, Corruption & Satanic Ritual Mu...di openallstations1610 visualizzazioni
15:23CIA, Illuminati, Corruption & Satanic Ritual Mu...di openallstations

 
11:50CIA, Illuminati, Corruption & Satanic Ritual Mu...di openallstations1126 visualizzazioni
9:55The Big Picture 09/09 - Time To Wake Updi LightTheDarknessLord

 
9:04The Big Picture 02/09 - Time To Wake Updi LightTheDarknessLord

 
10:12Dark Soul of the Illuminati 11/11di LightTheDarknessLord

 
9:43The Big Picture 04/09 - Time To Wake Updi LightTheDarknessLord

 
10:43Dark Soul of the Illuminati 03/11di LightTheDarknessLord

 
10:59Dark Soul of the Illuminati 04/11di LightTheDarknessLord

 
10:38Dark Soul of the Illuminati 02/11di LightTheDarknessLord

 
10:58Dark Soul of the Illuminati 05/11di LightTheDarknessLord

 
10:18Dark Soul of the Illuminati 09/11di LightTheDarknessLord





segreto occulto degli Illuminati e loro simbolismo





Sempre più spesso, grazie a libri e pubblicazioni, sentiamo parlare della setta degli Illuminati, degli Illuminati di Baviera, del Nuovo Ordine Mondiale e di tutte quelle politiche mondialiste che hanno lo scopo di rendere schiavi al Sistema le popolazioni del pianeta.

Ma pochi, per non dire nessuno, dicono chiaramente chi sono questi “signori” che avrebbero nelle mani un tale potere. Vengono elencati i nomi di potentati ricchissimi come gli imperi dei Rockefeller, dei Rothschild, o dei gruppi elitari molto influenti come lo statunitense C.F.R., il transeuropeo Bilderberg, il britannico R.I.I.A., ecc.

Questi sarebbero i veri Padroni del mondo: coloro che hanno nelle mani non solo le industrie, le multinazionali, la creazione stessa della moneta, i governi e interi Stati.

Ma possiamo veramente credere che persone in carne ed ossa che hanno ricchezze incommensurabili e potere inaudito, possano fare tutto quello che stanno facendo, senza alcun intervento esterno e solo per brame personali? E’ ipotizzabile che degli esseri viventi stiano distruggendo sistematicamente il pianeta dove vivono loro stessi?

Certamente si è liberi di crederlo, ma in questa visione c’è qualcosa che alla logica non torna proprio! Non torna infatti - nonostante la potenzialità autodistruttiva insita nell’essere umano - che poche centinaia di persone, quasi tutte con particolari legami di sangue, possano avere lo scopo di distruggere lo stesso ambiente nel quale vivono loro stessi e i loro figli!

Abbiamo a che fare con pazzi kamikaze plurimiliardari, o c’è invece dell’altro?

Molte persone, per questo motivo, trovano o cercano la spiegazione nelle teorie più incredibili, dall’interferenza aliena esterna, da quella di presunti abitatori sotterranei che vivrebbero qui da miliardi di anni, per arrivare alle orde di rettiliani e/o draconiani.

Tutti questi, in una maniera o nell’altra, interferirebbero nelle politiche internazionali e avrebbero il controllo dell’intero sistema globale.

Un’altra possibile interpretazione può essere cercata invece indagando i mondi spirituali!

In questa sede ci occuperemo proprio di quest’ultima strada.

Ora è di fondamentale importanza aprire la mente e lasciare da parte la visione scientifico-materialista-riduzionista inculcataci. Solo così facendo, sarà possibile una parziale comprensione di qualcosa che non appartiene a questo mondo.

Per coloro che invece credono ciecamente nella visione scientista del mondo e della Vita, che vedono l’essere umano come un semplice ammasso di cellule e organi, che vive più o meno ottant’anni solo per lavorare, dormire, mangiare e infine morire, la lettura potrebbe essere un po’ difficile. Le persone che invece sentono la Vita come un qualcosa di estremamente sacro e complesso, assolutamente incomparabile e inconciliabile con una banalissima macchina proteica sviluppatasi per puro caso sulla Terra, forse potranno trovare questo articolo interessante.

Senza minimamente perdere di vista la scopo di questo articolo, e per comprendere il quadro generale, è necessario entrare nel funzionamento dei mondi spirituali.

Questo passaggio è assai delicato perché vi sono centinaia di teorie dalle più semplici alle più strampalate e devianti. Come allora orientarsi?

Per questo, ci baseremo sulle conoscenze lasciateci da una delle poche persone al mondo che ha avuto la preparazione di investigare i mondi spirituali e il coraggio di divulgare a tutti queste conoscenze esoteriche (…e per questo hanno tentato diverse volte di assassinarlo!). Mi riferisco a Rudolf Steiner, il padre della Scienza dello Spirito, chiamata anche Antroposofia.

Questo grande “indagatore dei mondi soprasensibili”, espose la sua Scienza dello Spirito ad indirizzo antroposofico in numerosi scritti e in circa seimila conferenze pubbliche, lasciando un’opera immensa, sia per il contenuto che per vastità: si è occupato infatti di pedagogia, arte, medicina, filosofia, agricoltura, astronomia, ecc. ecc.

Fatta questa premessa obbligatoria, apriamo la mente e il cuore e partiamo tornando indietro di qualche secolo, per la precisione all’anno 1413.

Questa data segna - secondo la Scienza dello Spirito – il passaggio dell’umanità dalla quarta alla quinta epoca postatlantica, cioè alla nostra epoca attuale!




L’umanità avrebbe nel corso dei millenni passato varie epoche (non in senso archeologico) che corrispondono anche a varie fasi evolutive dell’uomo, dove l’uomo appunto, aveva non solo una evoluzione ma anche una costituzione differenti.

Questo passaggio, conosciuto a livello occulto, è di fondamentale importanza perché segna anche il ‘cambio di gestione’ di alcune forze spirituali che operavano allora sulla Terra.

Con forze spirituali s’intendono veri e propri esseri (ovviamente non umani) provenienti dai mondi soprasensibili, cioè dai mondi non visibili e intangibili, se non a quelle persone con alcuni sensi sviluppati, come i veggenti.

E’ necessario partire da questo lontano passato, perché ciò che si sta verificando oggi, è l’esatta immagine speculare di quello che accadde all’epoca. Mi spiego meglio.

Prima del secolo Quattrocento, alcune forze Spirituali (che possiamo definire come Spiriti di Luce) avevano lo scopo di regolare i rapporti umani secondo vincoli di sangue, razza, popolo, etnia; altre forze Spirituali (che possiamo definire Spiriti delle tenebre) si proponevano, l’esatto contrario (questo è il motivo per cui vengono definite anche “forze di opposizione”), cioè di operare contro tutto quello che era ereditarietà di sangue. Queste ultime forze volevano anch’esse il massimo bene degli uomini, plasmandoli (nonostante l’immaturità dell’uomo dell’epoca) a un’assoluta libertà, dotando l’umanità di impulsi che avrebbero reso ogni individuo un essere autonomo!

Si potrebbe anche erroneamente pensare che questa sia una cosa positiva, ma in questo modo l’uomo poggiando solo su sé stesso, si sarebbe rapidamente spiritualizzato (ma) in condizioni d’immaturità! A cosa serve infatti elevarsi spiritualmente se non si è adeguatamente pronti, se si è ancora immaturi? Non si rischia in questa maniera di bruciarsi anzitempo? E infatti era proprio quello il loro intento!

La linea di sangue, la discendenza, la razza, era molto importante per l’umanità antecedente alla nostra epoca, perché allora aveva senso, oggi non più!

Il popolo eletto ebraico e la loro ‘divina missione’, aveva senso migliaia di anni fa, quando determinate forze lavoravano proprio per questo.

Dall’anno 1413 in poi le cose sono cambiate, seppur gradatamente: le stesse forze di luce che prima lavoravano per mantenere una linea di sangue (popolo, razza, etnia), hanno lentamente modificato la loro azione (anche perché l’umanità cambiando epoca cambiava anche di costituzione) puntando alla libertà individuale.

Le ‘forze di opposizione’ invece, rispettando questa nomea, hanno iniziato ad agire al contrario puntando sulla linea di sangue, proteggendo tutto quanto cercava di liberarsi dai legami della consanguineità! Ma dal 1413 l’Uomo stava cambiando e quindi questo fu ed è tuttora un grosso ostacolo all’evoluzione stessa.

Lo stesso Rudolf Steiner dice che «chi invece parla oggi dell’ideale di appartenenza a razze, nazioni, stirpi, lo fa mosso da un impulso di decadenza dell’umanità»[1], non solo, «nulla porterà tanto l’umanità alla decadenza quanto il diffondersi degli ideali di razza, di popolo, di sangue»[2]

Un fortissimo impulso che ha dato maggior vigore a questa lotta e soprattutto a questa inversione di azione, sarebbe avvenuto intorno alla fine del XIX secolo. Tra l’autunno del 1840 e l’autunno del 1879 - sempre secondo la Scienza dello Spirito - una lotta furibonda nei mondi spirituali tra le forze di Luce e quelle di Tenebra, avrebbe fatto precipitare sulla Terra forze di opposizione come non era mai successo prima.

«Così a partire dall’ultimo terzo del secolo diciannovesimo abbiamo in effetti una inversione totale della situazione. Gli spiriti della luce che continuano a operare in senso regolare hanno ormai agito a sufficienza per rinsaldare i vincoli di sangue, di stirpi, di razza e così via, perché nell’evoluzione ogni cosa ha il suo determinato tempo. (…) A partire da questa nuova epoca gli spiriti della luce si trasformano, e ora sono essi a ispirare negli uomini lo sviluppo di idee libere, di sentimenti, di impulsi di libertà. Invece gli spiriti delle tenebre, affini per natura agli altri più antichi, hanno ora il compito di operare nel senso dei vincoli di sangue» [3]

«Quel che in un antico passato era un bene (…) viene per così dire ceduto agli spiriti delle tenebre»[4]

Questo provocò, proprio a causa della massiccia presenza di potenze arimaniche (si parla di forze o schiere arimaniche e luciferiche) sconfitte nei mondi superiori e cadute direttamente nel regno degli uomini, la nascita della concezione materialistica. In pratica questi impulsi spirituali entrarono di prepotenza e divennero propri degli uomini, facendo sorgere ambizione e la tendenza a spiegare il mondo in maniera assolutamente materialistica!

Non a caso, questo secolo vede la presenza di personaggi e accadimenti molto indicativi, che solo ora possiamo individuare come il lavoro di alcune forze:

- Nascono i principali attori dell’elité dominante: John D. Rockefeller (1839), il Barone Edmond de Rothschild (1845), ecc.;

- Avvenne il primo Congresso Sionista (1897) a Basilea dove si ufficializzò la nascita dello Stato ebraico in Palestina, con le conseguenze che possiamo vedere ancora oggi;

- Nasce l’eugenetica moderna, cioè la strada al perfezionamento della razza;

Oggi parlare di ‘razza ebraica’ di ‘popolo eletto’ o di eugenetica è un crimine contro l’evoluzione spirituale dell’uomo. Crimine questo voluto e portato avanti con ogni mezzo da alcune forze ispiratrici specifiche…

Ecco il motivo per cui oggi i principali personaggi dell’élite dominante mantengono una linea di sangue, sposandosi e incrociandosi tra di loro. Non si tratta però, come molti autori vanno affermando, del Sang Real (Santo Graal), cioè del Sangue Reale discendente direttamente dalla linea di sangue del Cristo, come pure c’entrano poco i Merovingi, queste sono disinformazioni per non dire deviazioni. Questo è semplicemente il risultato dell’impulso di alcune forze ben precise!

Un esempio per tutti.

Secondo lo storico Miroslav Rechcigl, George Walker Bush junior e John Forbes Kerry (lo sfidante alle passate presidenziali) oltre ad essere ‘fratelli massoni’ della potente loggia Skull & Bones con sede all’università di Yale, sono pure cugini di sangue: discenderebbero da Edoardo I vissuto tra il 1239 e il 1307. Non solo, ma secondo la ricerca pubblicata dal quotidiano britannico “The Times”, risulterebbero pure cugini dell’attuale Regina Elisabetta II.

Se si ricercasse attentamente, si scoprirebbe che quasi tutte le famiglie che contano sono, anche lontanamente, imparentate tra loro.

Il nonno dell’attuale presidente statunitense, Prescott Sheldon Bush (membro pure lui della Skull & Bones e socio in affari con Adolf Hitler) si è sposato con Dorothy Wear Walker, figlia del ricchissimo industriale George Herbert Walker. Vedete come pure i nomi vengono mantenuti? Il padre dell’attuale presidente USA, conosciuto come George Bush senior, il cui nome completo George Walker Herbert Bush, ha mantenuto proprio il nome del nonno (George Herbert Walker). Si tratta di rispetto per le famiglie o anche i nomi, le parole hanno la loro importanza e funzione?

E’ d’obbligo a questo punto precisare che la storia dell’umanità ha visto diverse volte il passaggio e l’interferenza di queste potenze spirituali. Un esempio per tutti, la fine del diciottesimo secolo avvennero degli accadimenti storici fondamentali per comprendere il tutto:

- Nasce ufficialmente la setta degli Illuminati di Baviera (1776);

- Nascono gli Stati Uniti d’America (1776);

- Rivoluzione Francese (1789), esattamente 13 anni dopo quella americana.

Molto si è scritto sugli Illuminati di Baviera, forse anche troppo, mentre pochissimo si sa sulla vera origine dell’Indipendenza Americana e della Rivoluzione francese.

Rivoluzione Americana

La colonizzazione inglese del Nuovo Continente fu una emigrazione di massa Puritana (dal 1630 in poi). I Puritani erano portatori di una precisa mentalità: erano infatti l’ala destra del Protestantesimo Calvinista, nati dalla Riforma Protestante. Essi basavano la loro vita solamente sul Vecchio Testamento, il quale, se viene interpretato alla lettera e non come testo simbolico quale è, trasmette un messaggio alquanto deviante: la ricchezza materiale è segno della predilezione divina! I Puritani infatti non erano poveri ma bensì tutti ricchi, emigrati in America non alla ricerca della libertà religiosa, come dicono gli storici, ma per arricchirsi ulteriormente.




Furono infatti mandati dalla Corona inglese a colonizzare l’America settentrionale per via del Mercato d’Oriente ( la Cina ). All’epoca per il Mercato d’Oriente c’erano due rotte di navigazione: quella classica circumnavigando l’Africa, e quella verso Occidente, cercando il Passaggio a Nord-Ovest, proprio nel Nord America.[5]

La Guerra d’Indipendenza del 1776 non fu dovuta dal desiderio di libertà delle colonie, ma di nuovo al Mercato d’Oriente. Nel 1763 il Trattato di Parigi, dopo un periodo di ostilità, decretò la vittoria della Gran Bretagna e la proprietà dell’Ohio Territory (circa Ohio, Indiana, Kentucky, Illinois). Visto che il tanto cercato Passaggio a Nord-Ovest non esisteva, era d’importanza vitale per i mercanti puritani, proprio l’Ohio Territory perché avrebbe permesso loro di giungere ai porti sul Pacifico, e da lì partire verso la Cina.




Gli oligarchi locali, i ricchissimi latifondisti, iniziarono allora a fomentare la rivolta ‘popolare’ (dirigendo i media, e assoldando interi eserciti mercenari), nonostante la maggior parte dei coloni era contraria alla guerra Riuscirono a forzare la situazione e la storia ce lo ricorda!

La guerra civile del 1861 fu pianificata nella City di Londra, perché i banchieri internazionali non avevano avuto successo nei loro sforzi di istituire una banca centrale privata in America.[6]

Alcuni banchieri strinsero un accordo secondo il quale una filiale parigina di un gruppo avrebbe sostenuto e finanziato il Sud e la filiale britannica dello stesso gruppo avrebbe finanziato il Nord. Un’abile propaganda mediatica avrebbe sollevato il problema della “schiavitù”…

La nascita degli Stati Uniti d’America ha le proprie radici in un ‘principio’ ispiratore di tipo materialista, basato sul commercio e sul mercato.

Oggi queste radici originarie, nonostante la missione divina di democratizzazione del mondo a suon di bombe, sono sotto gli occhi di tutti.




Rivoluzione Francese

La Rivoluzione Francese (nata dalla grande rivoluzione industriale che ha partorito le ideologie e i modelli conseguenti industrial-capitalismo e industrial-marxismo) è stata un grandioso tentativo di abbattere le monarchie e di sostituire il Cristianesimo con una nuova visione totalizzante della realtà, che poneva al centro l’uomo concepito però in termini di antropocentrismo e razionalismo.

Il risultato apparente della Rivoluzione fu l'abolizione della monarchia assoluta e dei privilegi feudali: la servitù, i tributi e le decime furono soppressi; i grandi possedimenti vennero frazionati e si introdusse un principio equo di tassazione. Ma la conclusione degli eventi fu un colpo di stato (1799) ideato da Napoleone che fece diventare la Francia (1804) un Impero. Napoleone poi istituì la Banca centrale di Francia!




Anche il famosissimo motto "Liberté, egalité, fraternité", altro non era che il motto coniato dal conte di Cagliostro (il cui nome era Giuseppe Balsamo) per le sue logge massoniche, e infatti era presente nella loggia di Parigi decenni prima del 1789.

Quindi la Rivoluzione Francese è stata un’operazione massonica, funzionale in senso anticristiano, per abbattere le monarchie, e ‘liberare‘ l’uomo in veste però antropocentrica, il tutto condito da un razionalismo scientista (chiamato illuminismo). Queste Rivoluzioni straordinarie infatti, rientrano nel cosiddetto ‘Secolo dei Lumi’ o ‘Età dell’Illuminismo’, periodo che, guarda caso, ha visto nascere anche il capitalismo! Lumi e Illuminismo hanno la medesima radice di Illuminati.




«A parte il fatto che appena inalberata quella bandiera egualitaria e libertaria le democrazie occidentali si sono messe a schiavizzare gli altri popoli (il colonialismo sistematico è dell’Ottocento)»[7]

Veniamo adesso al nocciolo della faccenda e cerchiamo di spiegare cosa significa il simbolo della Piramide, detto anche Simbolo degli Illuminati.

Lo troviamo un po’ ovunque, ma quello più rappresentativo e indicativo è stampato nella banconota più diffusa al mondo: il dollaro!

Ad un osservazione molto superficiale si tratta di una semplice piramide, nel cui vertice è disegnato un occhio radiante. Entrando nei dettagli più sottili si può notare che la piramide è disegnata in tre dimensioni (altezza, larghezza e profondità), e l’ombra alla sua sinistra indica che la fonte luminosa arriva da destra.




Le tre dimensioni della parte terrestre, corrispondono alla triarticolazione dell’essere umano: Corpo, Anima e Spirito.

La Chiesa Cattolica di Roma con l’ottavo Concilio (quarto tenuto a Costantinopoli) nell’869 d.C. ha definitivamente eliminato (pena l’eresia) la parte spirituale, marcando e sottolineando l’Unicità dell’anima: «l’Antico e il Nuovo Testamento insegnano che l’uomo ha una sola anima razionale e intellettuale e tutti i padri e dottori della chiesa divinamente ispirati sostengono la stessa dottrina, alcune persone, dedite all’invenzione del male, arrivarono a un tal grado di empietà da affermare spudoratamente come dogma l’esistenza di due anime nell’uomo, cercando di provare la propria eresia»[8]

Eliminando appositamente la parte spirituale, l’essenza spirituale o fiamma divina, la chiesa ha in pratica definito l’Uomo come un semplice animale avente SOLO UNA ANIMA, oltre al corpo!




Questa divagazione serve perché anche le chiese in generale, cioè le religioni monoteiste, partecipano attivamente, essendo influenzate dall’interno, al gioco di queste forze che non appartengono certo alla Luce. L’islam per esempio, secondo il famoso medievalista e teologo domenicano Padre Théry, è in definitiva la religione postmessianica spiegata agli arabi dal rabbino capo della Mecca! Il Corano primitivo - smarrito guarda caso dopo Maometto - era la traduzione e compendio arabo del Pentateuco di Mosè, redatto da un rabbino ebreo, mentre l’attuale Corano non contiene la storia sacra d’Israele, è soltanto un libro di aneddoti.




Rimane il giudaismo o ebraismo che avrebbe dato origine alle Sacre Scritture (come l’Antico Testamento, la Torah cioè la Legge ), diede la base, preparando il terreno, alle altre religioni.

Il punto nodale è che si sta parlando e pregando - soprattutto per il giudaismo – per una religione, un insegnamento, un linguaggio, che ha migliaia di anni. L’uomo allora, non era per evoluzione e per costituzione, come quello di oggi!

Se poteva avere senso allora, non può certo più aver senso oggi. E invece dopo migliaia di anni si continua pregare Yahvé (tetragramma Yhwh, Geova, Jehova), Allah, Dio, o qualche altro.




Perché è di estrema importanza il discorso della triarticolazione dell’essere umano, e del fatto che le chiese non considerino l’Uomo come composto da un corpo fisico, corpo animico e spirituale, o più semplicemente: corpo, anima e spirito?

Semplicemente perché le forze spirituali di opposizione (che lavorano all’interno delle chiese) non potendo toccare la nostra essenza spirituale, il nostro Spirito, vanno a colpire dove possono e cioè sugli altri due ‘corpi’, quello fisico e quello animico! Questi sono i punti per così dire sensibili o deboli, che possono subire (non è detto che lo subiscano) attacchi dall’esterno:




- il corpo fisico à Ecco l’importanza di una sana alimentazione. La costituzione materiale del corpo (cellule, organi, ecc.) dipende anche da quello che mangiamo, beviamo e respiriamo.

La spinta economica enorme delle lobbies agroalimentari - senza alcuna apparente giustificazione - verso cibi industriali e/o transgenici, segue proprio questo scopo: l’attacco al corpo fisico delle persone! In questa strategia (non per interessi economici) rientrano anche tutte quelle politiche che hanno lo scopo di creare esseri malati: farmacodipendenza, psicofarmaci e droghe, vaccinazioni di massa, patologie inventate di sana pianta (ADHD, osteoporosi, ecc.).




- il corpo animico à Sede delle tre parti dell’essere umano: pensare-sentire-volere. In questo corpo si sviluppano i sentimenti, le emozioni, le paure, e tutto quello che ha a che fare con il mondo dell’anima. Ecco l’importanza di una vita sobria, priva se possibile dei dannosissimi eccessi emozionali (vedi traumi nella Nuova Medicina di Hamer).

I media - tutti nelle mani dell’élite – e le politiche dei governi partecipano attivamente alla creazione di terrore e paure totalmente infondate ma estremamente funzionali, perché questi sentimenti bloccano, per così dire, paralizzano la coscienza, impedendo di agire (e non reagire)

Inutile ricordare i gravissimi danni provocati dalla televisione, dai film, dai videogiochi violenti, ecc.




Fatta questa divagazione, torniamo al Simbolo degli Illuminati.

La piramide è illuminata da destra, come è stato detto, e questo è testimoniato dall’ombra proiettata sulla sinistra; l’occhio dentro il triangolo invece, è illuminato da sinistra (per noi che osserviamo) e non è tridimensionale, ma in due dimensioni, esattamente come uno schermo televisivo!

A livello occulto (in contesto spirituale), tutto ciò che arriva da destra (come impulso) è arimanico, mentre quello che arriva da sinistra (sempre come impulso) è luciferico.

Nel grafico qui a destra sono state rappresentate, per meglio comprendere, in forma di croce greca l’uomo nel suo contesto di forze e/o impulsi.




L’essere umano al centro, nella verticale superiore l’Io, inteso come essenza spirituale (da non confondere con l’Ego), nella verticale inferiore il ‘doppio’, il ‘lato oscuro’, ‘l’ombra’, ecc. A destra gli impulsi arimanici e a sinistra quelli luciferici.

L’Uomo, nella sua essenza spirituale (Io), si trova al centro (equilibrio) tra le forze esterne (destra e sinistra) e quelle inferiori interne (il doppio, il lato oscuro, ecc.).

Nel simbolo che gli Illuminati hanno appositamente fatto stampare nel dollaro, la piramide (cioè la parte materiale, fisica, gli esseri umani, ecc.), essendo illuminata da destra, (vedi ombra sulla sinistra) indicherebbe che noi, e come pure gli apparenti burattinai (burattini a loro volta), veniamo influenzati da potenze arimaniche: proprio quelle forze che spingono l’uomo alla materialità più becera.










L’occhio dentro il triangolo, al contrario, essendo illuminato da sinistra (vedi il riflesso nella pupilla), starebbe a indicare che le potenze invisibili (i veri e unici Illuminati) sono forze di tipo luciferico. Trattandosi però dell’occhio destro (arimanico) per noi che osserviamo dal mondo fisico, e sinistro (luciferico) per coloro che ci guardano dai mondi superiori, si deduce che gli Illuminati Superiori (potenze totalmente invisibili che non appartengono a questo mondo) sono le potenze luciferico-arimaniche!

La piramide inferiore ha una caratteristica molto particolare: è tronca.

Questa può sembrare una cosa superflua, ma invece è sostanziale, perché la parte tronca (a 13 livelli di mattoni) è in tre dimensioni, quindi rappresenta la parte terrestre, tangibile, materiale; il triangolo con l’occhio dentro è invece a due dimensioni perché rappresenta la parte non-terrestre, intangibile e non-materiale.




Questo per dire che il triangolo e l’occhio NON sono di questo mondo, ma del mondo spirituale. Gli Illuminati non si possono vedere perché non esistono nella realtà fisica: sono entità spirituali, che però tramite l’occhio ci osservano!




Interpretazione del simbolo della Piramide del Potere

Gli Illuminati, cioè le potenze spirituali di tenebra (arimaniche, luciferiche viste prima), osservano dall’alto in maniera invisibile (NON possono per questo essere viste) e controllano il mondo rappresentato dalla piramide sottostante, attraverso esseri umani (i Rothschild, i Rockefeller, i Warburg, i Bush, ecc.) che siedono nei gradini più alti della società e del potere. Burattinai è il termine perfetto!

A differenza di quello che si è sempre pensato e sostenuto, le marionette, i burattini, non siamo noi (base inferiore della piramide) ma i grandi signori dell’economia, della finanza, ecc.

Questi signori, che per diversi motivi (brame di potere, di ricchezza, ecc.) hanno perduto una parte della loro anima, vengono sistematicamente manovrati e pilotati da potenze spirituali non visibili (triangolo radiante).

Di fatto i controllori diventano i controllati!

Tali conoscenze occulte permettono, una volta per tutte, di far luce nell’oscurantismo simbolico e di comprendere chi (o meglio, quali forze) realmente sta (stanno) ‘lavorando’ sulla Terra. In tale visione esoterica perde di significato odiare il burattino, perché esso è strumento di controllo, come pure odiare tali forze, perché non essendo di questo mondo si rischia di dare loro nutrimento.




Cosa possiamo fare?

In una simile visione, giusta o sbagliata che sia, come è stato detto prima, non ha alcun senso odiare i burattini di turno (ci sarà sempre qualcuno pronto e disponibile a sostituirli) né tanto meno contrapporsi a queste forze: sarebbero vani tentativi di contrastare qualcosa che non è contrastabile in termini terrestri, in termini umani. Anzi, lo scontro fisico è proprio quello che queste forze stanno desiderando con ardore, perché chi ne pagherebbe le conseguenze saremo soltanto noi.

Se non possiamo contrapporsi su questo piano allora è necessario alzare il livello, e per alzarlo l’unica strada percorribile è intraprendere un percorso di tipo evolutivo-spirituale!

Con questo non si vuole assolutamente affermare che bisogna diventare antroposofi, piuttosto che buddisti, piuttosto che cristiani delle origini, piuttosto che dervisci, giudei, musulmani, ecc.

Ognuno deve trovare la strada che più è consona, più risonante con la propria natura, MA che ovviamente conduca all’Evoluzione dello Spirito! Solamente una crescita evolutiva, ovviamente in senso di Crescita Spirituale, può fare da contraltare a queste forze, il resto è pura illusione.




Se cambiamo modo di pensare (iniziando soprattutto a pensare fino in fondo), se equilibriamo la Triarticolazione animica dell’Uomo: PENSARE – SENTIRE – VOLERE, vivendo con Partecipazione e Compassione (non in senso cattolico!), cioè accettazione di tutto quello che accade senza giudizio e senza ego; se impariamo ad auto-osservarci dall’esterno nelle questioni di tutti i giorni (anche le più banali), difficilmente potremo essere toccati o peggio ancora attaccati dall’esterno, ma soprattutto avremo la forza interiore per superare ogni ostacolo e ogni difficoltà.

I cambiamenti interiori sono certamente le cose più difficili da mettere in pratica, perché necessitano una buona dose di umiltà e soprattutto voglia di mettersi in discussione, accettando anche il fatto che ognuno di noi ha un lato oscuro, chiamato anche “doppio”.

Come non dar ragione al grande psichiatra svizzero Carl Gustav Jung quando dice che “accettare se stessi senza riserve è una delle cose più difficili che l’uomo possa fare”!

E’ certamente molto più facile girarsi dall’altra parte, far finta di niente e cambiare strada di fronte alla propria natura: ma l’accettazione totale delle parti più sottili del nostro essere e di quelle di Luce e di Tenebra (di noi stessi e del mondo spirituale), comporta sempre un cambiamento interiore che si rifletterà di conseguenza anche all’esterno (“come dentro, così fuori”, “come sopra, così sotto”).

Certamente per quanto detto è necessario un lavoro costante e continuo, ma il risultato non ha prezzo.

Pubblicato da Simone (serrano87) Adamo a 08:05

http://illuminatinelmondo.blogspot.com/2011/05/il-segreto-occulto-degli-illuminati-e.html 

 Trend: Cohen is just really niceCohen is just really niceCohen.
Predefinito Rif: Importante rabbino dice che i non-Ebrei sono asini, creati per servire gli Ebrei

IL RAZZISMO EBRAICO

attraverso frasi tratte dal Talmud e dalla Qabbalah

Per molto tempo abbiamo sentito parlare del razzismo bianco con tutte le buone chiacchiere dei moralisti ma mai si è parlato del razzismo che metodicamente gli ebrei adoperano nella loro vita.

Questo razzismo di origine ancestrale è evidenziabile in uno dei loro testi sacri, il “Talmud”.

Tale documento è normalmente insegnato nelle scuole ebraiche e descritto come raccolta poetica da numerosi rabbini. Di seguito pubblichiamo numerose affermazioni rintracciabili in questo libro e nella Qabbalah.

Consigliamo ai lettori un attenta analisi delle singole frasi riportate e un osservazione di come oggi siano puntualmente seguite con ortodossia religiosa.

-Il più santo così parlò agli Israeliti: "Voi mi avete riconosciuto come l'unico padrone del mondo, e per questa ragione, vi riconoscerò come unici padroni del mondo".

Chaniga, 3a, 3b.
-Dovunque gli Ebrei vadano, devono farsi capi dei loro Signori.

Sanhedrln, 19.
-Dio ha dato ai Giudei potere sui possedimenti e il sangue di tutte le nazioni.

Seph. Jp., 92, 1.
-Riguardo le pretese dei Gentili sui diritti di proprietà, i loro possedimenti sono ~ come terra non riscossa nel deserto ~

Baba Bathra, 54b.
-Per quanto riguarda i furti - se uno rubasse, rapinasse, rapisse una bella donna, o commettesse torti simili, se questi fossero perpetrati da un Gentile ad un altro, il torto in questione deve essere punito, allo stesso modo se fosse perpetrato ai danni di un Israelita, invece il furto da parte di un Israelita ai danni di un Gentile, può essere perdonato.

Sanhedrin, 57a.

-E' sempre un gesto meritevole impossessarsi di un bene appartenente a un Gentile.

Schuichan Aruch.
-Quando un Giudeo ha un Gentile tra le sue grinfie, un altro Giudeo può andare dallo stesso Gentile, prestargli dei soldi e a sua volta raggirarlo, così che il Gentile finisca rovinato. La proprietà di un Gentile, secondo la nostra legge, non appartiene a nessuno, e "il primo Giudeo che passa", ha pieno diritto di impossessarsene.

Schuichan Aruch, Choachem

Hamischpath, 156.
-Non è permesso derubare un fratello, ma è permesso derubare un "non-Ebreo", poichè è scritto (Levitico XIX, 13) "Tu non dovrai derubare il tuo fratello (lett.il tuo vicino)". Ma queste parole, dette da Jeovah, non valgono per un Goim, che non è tuo fratello.

Baba Mezia, 61a.




-Un Giudeo può mentire e spergiurare per condannare un Cristiano. Il nome di Dio non è profanato quando si mente ai Cristiani.

Baba Kama, 113a, 113b.
-E' un grande peccato fare un regalo ad un Gentile. Ma è permissibile fare l'elemosina ai Gentili poveri, visitare i loro malati, dare gli ultimi onori ai loro morti e consolare i loro parenti, per mantenere la pace, e per far credere ai Gentili che i Giudei sono loro buoni amici, poichè danno loro conforto.

Aboda Zarah, page 20
-Una cosa persa da un Goim, non solo dev'essere tenuta dall'uomo che la trova, ma è anche proibito restituirgliela.

Schulchan Aruch, Choschen, Hamischpath, 266, 1.

-I giudei devono sempre provare a raggirare i Cristiani.

Zohar 1 160a.
-Coloro che fanno bene ai Cristiani non risorgeranno mai dalla morte.

Zohar 1 25b.
-Nel periodo del Choihamoed la trattazione di qualsiasi affare è proibita. Ma è permesso praticare l'usura sui Gentili, poichè la pratica dell'usura sul Gentile piace sempre al Signore.

Schulchan Aruch, Orach Chaim, 539.

-Nel caso di una malattia mortale un Giudeo è autorizzato a consumare qualcosa di immondo (cioè qualcosa che egli è obbligato per legge a considerare come immonda, e che toccare [usare, mangiare] in altre circostanze è severamente vietato) nel caso in cui egli ritiene che essa può assistere il suo recupero. Ma anche in questo caso non è consentito fare uso di qualcosa che appartiene alla cosa più sporca di tutte, vale a dire, la Chiesa cristiana.

Schulchan Aruch, Johre Deah, 155.
-E' una buona azione per ogni Giudeo distruggere e bruciare le chiese non-Giudee e qualsiasi cosa appartenga loro o è fatto da loro ~, e gettare le ceneri ai quattro venti o nell'acqua. Inoltre, è dovere di ogni Giudeo cercare di sradicare ogni chiesa non-Giudea e maledirne il nome (lett. darle un nome maledetto)

Schulchan Aruch,Johre Deah, 143.
-I Giudei sono esseri umani; le altre persone del mondo non sono esseri umani, ma bestie.

Baba Mezia.
-Nonostante le persone del mondo somiglino esteriormente ai Giudei, loro sono in effetti solo come scimmie paragonate agli uomini.

Schene Lucohoth Ha'berith.
-Le anime delle persone non-Giudee vengono dal Diavolo e sono anime come quelle che hanno gli animali e il bestiame. Il seme dello straniero (si riferisce ai figli) è anch'esso seme di bestia (figlio di bestia).

Schefla Tal. 4.2, Memachem,page 53, F. 221.
-Le case di Goym sono le case degli animali.

Leb. Tob,., 46. 1.
-I matrimoni tra Gentili non sono dei veri legami: la loro coabitazione è come tenere cavalli in coppia, pertanto i loro figli non sono umanamente legati ai loro genitori.

Schulchan Aruch

-Il seme (figlio) del Cristiano non vale più di quello di una bestia.

Kethuboth 3b.

-Tutte le donne non-ebree sono prostitute.

Eben Haezar.
-Un uomo può fare con la sua moglie ciò che più lo appaga, come se lei fosse un pezzo di carne che viene dal macellaio, che lui può mangiare secondo il suo capriccio, salata, arrostita, bollita o come un pesce comprato al mercato.

Nedarim 20b.
-Quando uno scopre che appetiti malvagi stanno impossessandosi dei suoi sensi, bisogna lasciarlo sfogare in un posto dove non è conosciuto, dove si vestirà di nero e potrà seguire gli impulsi del suo cuore.

Mo'ed Katan 17a.
-Ad un giudeo è permesso stuprare, truffare, e spergiurare; ma deve curarsi di non farsi scoprire, così che Israele possa non soffrire.

Schulchan Aruch,

Johre Deah.
-Un Giudeo può violentare, ma non sposare una non-Ebrea

Gad. Shas. 2,2.

-Una ragazza Gentile dall'età di tre anni può essere violentata.

Aboda Shara 37a.
-Se un Giudeo violenta una ragazza non-Giudea, e un altro Giudeo che lo vede è chiamato a testimoniare, quel Giudeo deve, senza esitazione, mentire.

Johre Deah.
-Mosè disse: "Tu non dovrai bramare la moglie del tuo vicino e colui che commette adulterio incapperà nella pena di morte." Questo vale solo per gli adulteri commessi da, o tra, Giudei. La moglie di un Gentile è esclusa.

Sanhedrin.

-Non salvare un Cristiano in pericolo di morte.

Hikkoth Akum X 1.
-Lo sterminio dei Cristiani, è un sacrificio necessario.

Zohar II 43a.
-Le nascite tra i Cristiani devono essere materialmente diminuite.

Zohar II 64b.
-Se un Goym uccide un Goym o un giudeo, è responsabile; ma se un giudeo uccide un Goym, non lo è.

Tosefta, Aboda Zara 8:5.
-Ogni straniero (Non-ebreo) che onora la Domenica, dev'essere ucciso senza esitazione.

Sanhedrin.
-Anche il migliore tra i Gentili merita di essere ucciso.

Abodan Zarah 26b.

-Il migliore tra i Cristiani dev'essere strangolato.

Rasoni, Exodus 14.
-E' permesso uccidere un denunciatario degli Ebrei dappertutto, E' permesso farlo anche prima che abbia denunciato.

Schulchan Aruch, Choschen

Hamischpath, 338.
-Chi versa il sangue dei Goym (chi uccide i Goym), offre un sacrificio a Dio.

Talmud, Jalqut Simeoni.
-Se un pagano colpisce un Giudeo, merita di morire.

Sanhedrin. 58b.
-Un pagano che studia la Torah merita di morire.

Sanhedrin 59a.
-Ogni Goym che studia il Talmud, e ogni giudeo che lo aiuta in questo, dovrebbe morire.

Sanhedrin 59a.
-E' vietato introdurre un non-ebreo ai segreti della legge. L'ebreo che fa questo è colpevole, come se avesse devastato il mondo e negato il sacro nome di Dio.

Jalkut Chadash.
-I proseliti sono pericolosi per il Giudaismo, come le ulcere lo sono per un corpo sano.

Talmud.

-Una moglie mezza-ebrea è costretta ad aiutare una madre Ebrea anche il Sabato e anche quando farlo comporterebbe la dissacrazione del Sabato. Ma è vietato aiutare una donna non-ebrea anche se fosse possibile aiutarla senza dissacrare il sabato, poichè ella è considerata solo un animale.

Schulchan Aruch,

Orach Chalm, 330.
-Ad una balia ebrea è proibito allattare il figlio di un Gentile, anche se fosse pagata per fare ciò, poichè facendolo, aiuterebbe la crescita di un Gentile. Solo nel caso in cui lei provi dolore per l'eccesso di latte e tale latte possa divenire pericoloso per lei è permesso fare ciò. All'ebreo è anche proibito insegnare ad un Gentile un lavoro col quale egli possa mantenersi.

Schulchan Aruch,

Johre Deab, 154.
-Un animale che è stato macellato da un Gentile o da un ebreo convertito, dev'essere considerato come un animale malato.

Schulchan Aruch,

Johre Deah, 15.
-E' proibito per un Giudeo bere da un bicchiere di vino che è stato toccato da un Gentile, poichè il tocco ha reso il vino sporco.

Schulchan Aruch,

Jobre Deah, 122.

-I giudei sono stati creati per essere serviti dai non-giudei. Questi ultimi devono arare, seminare, diserbare, scavare, mietere, legare, setacciare e macinare. Gli ebrei sono stati creati per trovare tutto ciò già pronto.

Berachoth.

-Il lavoro è dannoso e frutta poco.

Gittin 68a

-Insegna a tuo figlio un lavoro facile, nel tentativo con ciò di acquisire proprietà e ricchezze.

Quid Dusen 89a.

-Non c'è lavoro peggiore che quello dell'agricoltore.

Jebamoth.
-Una vergine di tre anni ed un giorno può essere ottenuta in matrimonio dopo un atto sessuale.

Sanhedrin 55b.
-Se un uomo adulto ha un rapporto sessuale con una bambina, non è un problema, in quanto se la bambina ha meno di tre anni, è come se uno mettesse il dito nell'occhio di un altro - le lacrime scendono dagli occhi di nuovo e di nuovo, allo stesso modo la verginità ritorna alla bambina sotto i tre anni. quando un ragazzino ha un rapporto sessuale con una donna adulta, la rende come "una ragazza che è ferita da un pezzo di legno".

Kethuboth 11b
-Una donna è andata da Rabbi Hisda confessandogli che il peccato più leggero che commise fu che il suo figlio più giovane lo ha fatto col suo figlio più grande. Da lì, quello fu il peccato più leggero che le fu perdonato. (forse vuol dire che ne commise di peggiori?)

Abodah Zarah 17a.

-Una donna che ha avuto un rapporto sessuale con una bestia (es. un cane) è idonea a sposare un prete.

Yebamoth 59b.
-Colui che colpisce suo padre o sua madre è responsabile solo se li ferisce. Rispetto a ciò maledire è più grave che colpire, per cui, colui che maledice i suoi genitori dopo la morte è responsabile, mentre colui che li colpisce dopo la morte, non lo è.

Sanhedrin 85b.
-Israele è come la signora della casa alla quale il marito porta i soldi. Per cui Israele è senza il fardello del lavoro e riceve i soldi da tutte le persone del mondo.

Jalkut Schlm., 75, 2.
-Qual è il significato del "Bar Sinai", che è, il Monte Sinai? Rappresenta la montagna dal quale si origina Sina, ovvero "l'odio verso tutte le persone del mondo".

Schabbath 89.
-E colui che desidera che nessuna delle sue promesse fatte durante l'anno sia più valida, deve dichiarare all'inizio dell'anno "Ogni promessa che potrò fare in futuro sarà nulla". Le sue promesse sono ora non valide.

Nedarim 23b.
"Quando un ebreo ha un Gentile nelle sue mani, un altro ebreo può andare dallo stesso Gentile, prestargli denaro e truffarlo in sua vece, così da rovinare il Gentile.

Poichè la proprietà di un Gentile, secondo la nostra legge, non appartiene a nessuno, e il primo ebreo che passa ha pieno diritto di prendersela.

(Schuican Amen, Choschem Hamischpath, 156)."

"Non è permesso derubare un fratello, ma è permesso derubare un non ebreo, poichè sta scritto (Levitico XDC, 13) "Non deruberai il tuo vicino".

Ma queste parole, dette da Jahvè, non si applicano a un Goy che non è tuo fratello.

(BabaMezia, 6 la)"
"Un ebreo può mentire e spergiurare per condannare un cristiano.

Il nome di Dio non è profanato quando si mente ai cristiani.

(BabaKama, 113a, 113b)"
"Una cosa perduta da un Goy può non solo essere tenuta dall'uomo che l'ha trovata,

ma è anche proibito ridargliela indietro.

(Schuican Aruch, Choschen Hamischpath, 266, I)"
"Gli ebrei devono sempre cercare di imbrogliare i cristiani.

(Zohar I 160a)"
"Quelli che fanno del bene ai cristiani non risorgeranno mai dai morti.

(Zohar I 25b)"
"Al tempo del Cholhamoed il disbrigo di ogni tipo di affare è proibito.

Ma è permesso praticare l'usura sui Gentili,

perchè la pratica dell'usura su un Gentile in ogni momento piace al Signore.

(Schuican Amch, Orach Chailìi, 539)"
"I rapporti sessuali con un bambino al di sotto degli 8 anni d'età sono leciti.

(Talmud, Sanhedrin, 69b)"
"Quando un non ebreo deruba un ebreo, deve restituirgli tutto,

ma se avviene il contrario, l'ebreo non deve restituire nulla.

Inoltre, se un non ebreo uccide un ebreo, deve essere ucciso anche lui,

ma non il contrario.

(Talmud, Sanhedrin, 57a)."
"Gesù nacque bastardo.

(Talmud, Yebamoth, 49b)"

"Gesù fu punito e mandato all'inferno dove fu gettato in escrementi ribollenti."

(Talmud, Gittin, 56b, 57a)."
"Tutti i Gentili sono solo degli animali,

quindi tutti i loro bambini sono bastardi.

(Talmud, Yebamoth, 98a)"
"E' giusto per una bambina di tre anni avere rapporti sessuali.

(Talmud, Abodah Zarah, 37a, Kethuboth, 11b, 39a, Sanhedrin, 55b, 69a,b, Yebamoth,

12a, 57b, 58a, 60b)."
"E' giusto divorziare dalla propria moglie se rovina il cibo, o se si trova una donna più bella. (Talmud, Gittin, 91a)"
"Dalla nascita, l'israelita deve cercare di svellere gli sterpi della vigna,

cioè sradicare ed estirpare i goyim dalla terra,

poichè non può essere data a Dio Benedetto

maggior letizia che quella di adoprarci a sterminare gli empi

e i cristiani del mondo.

(Talmud, Sefer Israel, 180)"




"Quando un ebreo ha un Gentile nelle sue mani,

un altro ebreo può andare dallo stesso Gentile,

prestargli denaro e truffarlo in sua vece,

così da rovinare il Gentile.

Poichè la proprietà di un Gentile,

secondo la nostra legge, non appartiene a nessuno,

e il primo ebreo che passa ha pieno diritto di prendersela.

(Talmud, Schuican Amen, Choschem Hamischpath, 156)"




"Il rabbino Jochanan dice:

Un goi che ficca il naso nella Legge è¨ colpevole di morte.

(Talmud, Sanhedrin, 59a)"




"Il nome di Dio non è profanato quando,

per esempio, un ebreo mente ad un goi dicendo:

Io ho dato qualcosa a tuo padre, ma egli è morto;

tu me lo devi restituire,

purchè il goi non sappia che tu stai mentendo.

(Talmud, Babha Kama, 113b)"




"Al tempo del Cholhamoed il disbrigo di ogni tipo di affare è proibito.

Ma è permesso praticare l'usura sui Gentili,

perchè la pratica dell'usura su un Gentile in ogni momento piace al Signore.

(Talmud, Schuican Amch, Orach Chailìi, 539 )"




"Anche il migliore dei Goyim dovrebbe essere ucciso.

(Talmud, Abhodah Zarah, 26b, Tosephoth)"




"Il rabbino Eliezer disse:

E' permesso tagliare la testa di un 'idiota' [uno degli abitanti della terra]

nella festa della Riconciliazione quando cade in giorno di Sabato.

I suoi discepoli gli dissero:

rabbino, dovresti piuttosto dire sacrificare.

Ma egli rispose:

Niente affatto, è infatti necessario pregare mentre si sacrifica,

e non c'è bisogno di pregare quando si decapita qualcuno.

(Talmud, Pesachim, 49b)"




"Gli Akum che non sono nostri nemici non devono essere uccisi direttamente,

cioè non ostante essi non dovranno essere salvati dal pericolo di morte.

Per esempio, se vedete uno di essi cadere in mare,

non tiratelo su a meno che egli non vi prometta del denaro.

(Talmud, Iore Dea, 158,1)"




"Quando un uomo compie rapporti omosessuali con un bambino al di sotto dei 9 anni d'età,

non è da condannare.

(Talmud, Sanhedrin, 54b, 55a)"




"Voi israeliti siete chiamati uomini, mentre le nazioni del mondo non sono da chiamarsi uomini, ma bestiame"

(Talmùd, trattato Baba Mezia fol. 114 col. 2)




"La progenie di uno straniero (cioe' di un non ebreo) e' come progenie di animali"

(Jebamoth fol. 94 col.2)




"Che significa Har Sinai, cioe' monte Sinai? Vuol dire il monte dal quale si e' irradiato Sina, cioe' l'odio contro i popoli del mondo"

(Schabbat , fol. 80 col. 1)




"Dovunque gli ebrei arrivano devono farsi sovrani dei loro signori"

(Sanhedrin , fol. 19 col. 2)




"Il Messia dara' agli ebrei il dominio del mondo, al quale serviranno e saranno sottoposti tutti i popoli"

(Tal. Bat. Trattato Schabb, fol. 120 c. 1 ; Sanhedrin, fol. 88 c. 2)




"Il migliore tra i non ebrei, uccidilo"

(Aboda Zara, 26b Tosephoth)




"Che cos'e' una prostituta? Ogni donna che non sia ebrea"

(Eben ha eser, 6, 8)




"Un goi che studi il Talmud e un ebreo che lo aiuti in tale studio debbono essere messi a morte"

(Sanhedrin f. 57 Aboda Zara f. 6-8 Szagica f. 13)




"Voi israeliti siete chiamati uomini, mentre le nazioni del mondo non sono da chiamarsi uomini, ma bestiame"

(Talmùd, trattato Baba Mezia fol. 114 col. 2)




"La progenie di uno straniero (cioe' di un non ebreo) e' come progenie di animali"

(Jebamoth fol. 94 col.2)




"Che significa Har Sinai, cioe' monte Sinai? Vuol dire il monte dal quale si e' irradiato Sina, cioe' l'odio contro i popoli del mondo"

(Schabbat , fol. 80 col. 1)




"Dovunque gli ebrei arrivano devono farsi sovrani dei loro signori"

(Sanhedrin , fol. 19 col. 2)

"Il Messia dara' agli ebrei il dominio del mondo, al quale serviranno e saranno sottoposti tutti i popoli"

(Tal. Bat. Trattato Schabb, fol. 120 c. 1 ; Sanhedrin, fol. 88 c. 2)

"Il migliore tra i non ebrei, uccidilo" (Aboda Zara, 26b Tosephoth)

"Che cos'e' una prostituta? Ogni donna che non sia ebrea"(Eben ha eser, 6, 8)

"Un goim che studi il Talmud e un ebreo che lo aiuti in tale studio debbono essere messi a morte"

(Sanhedrin f. 57 Aboda Zara f. 6-8 Szagica f. 13)



@ComunitaEbraicaRoma, 2628342--Unius REI: è superiore ai profeti ed ai patriarchi: e lui: per tutti gli ebrei? è veramente il Messia: cioè: colui che realizza le speranze politiche di Israele. Unius Rei: è l'uomo più importante di tutta la storia del genere umano! Eppure: oltre alla mia integrità: la mia retta conscienza verso Dio e verso tutti gli uomini: io non ho niente di speciale: io non sono migliore di nessuno! Io ho capito perché Dio ha scelto me. Io impedirò a Dio di squarciare il velo: poiché: lui ha bisogno di scendere: nuovamente: come già: lui venne ad uccidere gli egiziani: per liberare gli ebrei?Così: Oggi dovrebbe venire ad uccidere gli ebrei: ILLUMINATI Kakam: cannibali: massoni e tutti i loro complici: per liberare tutti i popoli: dal signoraggio bancario: e per salvare Israele dalla distruzione imminente... attraverso: la mia metafisica? io potrei evitare tutto questo massacro: della 3°WW nuclear: poiché Dio è troppo geloso della sua invisibilità? Ecco perché: lui crede: che: io sia l'uomo più importante: di tutta la storia del genere umano

ramialsaiad (5 ore fa)salam alaikom dear.. yes of course you have right.. brother you have to know that Imam Ali pease be upon him said : The humans are two part either a brother in religion or equal to you (same as you) in humanity. ((It is not the exactly translation)).

and sharia is faked by bad people in Sudia arabia. it is so sorry that they use Islam for there advantage, thank you for your feelings and word. I appreciate it to much: pease Ali :)

@ ComunitaEbraicaRoma, 2628342 - said the rabbi and priest Nicodemus, "because for a moment: we can not evaluate: the hypothesis that: Jesus really is the Messiah?" .. of course: this question would not were exist: if Jesus was considered a criminal: or if his mother, a woman was considered in disgraced! If you then: they knew that was the family of David, born in Bethlehem? Well, things would be complicated: a lot! is clear: Jesus hid this detail: since: his mission was to be were: "the Lamb of God for the salvation of the world!" .. If Jesus is the Messiah? you are all to hell! Because: the mandate to the Catholic Church is legal and is legal: also all its dogmas .. a workman watching the IMF: it can mean all Jews are involved: in this crime of Satanism Masonic:the bank seigniorage! and this: it is sufficient in itself: to extinguish all hope about the kingdom of God! Now only: I unius REI: I had the mandate: of to be able to: re-saving: The Jewish Religion: and I'm not bad or intolerant: I am a father that: look for the happiness of his children! contrary? hell is your destination! Why: your hearts have become cynical: cruel? Because the Holy Spirit has already told in your heart: "Boy you go to hell!" .. with this subconscious premonition in your heart? those who do not become bad? I charge you in the name of the living God of Israel: you have compassion for yourself and your children!- disse il rabbino e sacerdote: Nicodemo: "perché per un attimo: noi non possiamo valutare: l'ipotesi: che: veramente Gesù è il Messia?".. ovviamente: questa domanda non avrebbe potito esistere: se Gesù fosse ritenuto un malfattore: o se sua madre: fosse ritenuta una donna disonorata! Se poi: avessero saputo che era della famiglia di Davide: nato a Betlemme? Bhe, le cose si sarebbero complicate: parecchio! è evidente: Gesù nascose questo particolare: poiché: la sua missione era di essere: "l'agnello di Dio: per la salvezza del mondo!".. se Gesù è il Messia? voi siete tutti per l'inferno! Poiché: il mandato alla Chiesa Cattolica: è legale e sono legali: anche tutti i suoi dogmi.. anche un operaio: guardando il FMI: può dire tutti gli ebrei: sono implicati: in questo crimine di satanismo massonico:del signoraggio bancario! e questo: è sufficiente di per se: per spegnere ogni speranza: circa: il regno di Dio! Ora, soltanto: io Unius REI: io ho avuto il mandato: di poter rendere: nuovamente salvifica: la Religione Ebraica: ed io non sono cattivo o intollerante: io sono un padre: che: cerca la felicità dei suoi figli! contrariamente? l'inferno è la vostra destinazione! Perché: i vostri cuori sono diventati cinici: crudeli? Perché lo Spirito Santo: ha già detto al vostro cuore: "ragazzo tu vai all'inferno!".. con questa subconscia premonizione? chi non diventerebbe cattivo? Vi scongiuro: nel nome del Dio vivente: di Israele: voi abbiate compassione di voi stessi e dei vostri figli!

Nessun commento:

Posta un commento